Farmacie comunali, tirocini per giovani disabili

Ne sono stati attivati cinque, fino a Natale, per ragazzi fra i 22 e i 33 anni

REGGIO EMILIA – Le farmacie comunali di Reggio Emilia si aprono alla citta’. Per la prima volta, l’azienda speciale controllata al 100% dal Comune attiva cinque tirocini formativi rivolti ad altrettante persone in stato di fragilita’, che da domani e fino alla conclusione del periodo natalizio lavoreranno fianco a fianco al personale dell’azienda.

In particolare i ragazzi, di eta’ compresa tra i 22 e i 33 anni, si occuperanno della confezione di pacchi regalo nelle farmacie centrale di piazza Prampolini e in quelle di alcuni quartieri (dell’Angelo, della Canalina, dell’Orologio e della Pappagnocca). L’esperienza si inserisce nel progetto “Reggio Emilia citta’ senza barriere” (www.municipio.re.it/cittasenzabarriere) per l’inclusione delle persone fragili e disabili, che vede come capofila proprio Fcr. I cinque ragazzi, tutti con esperienze lavorative alle spalle, sono stati selezionati e seguiti dal servizio Integrazione lavorativa (Sil) del Comune, gestito dalla cooperativa sociale Anemos.

In citta’ sono pero’ piu’ di 200 le persone “diversamente abili”, individuate dai servizi sociosanitari di Comune e Ausl, ad oggi impegnate in esperienze lavorative con realta’ pubbliche e private. “Questo progetto ci ricorda il valore delle farmacie pubbliche che hanno una storia centenaria ma anche un futuro e oggi diventano ancora di piu’ un luogo di tutti i cittadini” spiega il vicesindaco Matteo Sassi, presentando questa mattina l”iniziativa nella farmacia centrale.

“E’ un momento di incontro tra la citta’ e le fragilita’ – aggiunge la presidente di Fcr Annalisa Rabitti – per rendere le nostre farmacie un luogo sempre piu’ inclusivo. Abbattere le barriere vuol dire per noi proprio questo: incontrarsi, fare le cose insieme e infine integrarsi”.