Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Corruzione negli appalti, decine di arresti: c’è anche il figlio di Monorchio

Giandomenico Monorchio, imprenditore e figlio dell'ex ragioniere generale dello Stato. Giuseppe Lunardi, invece, figlio dell'ex ministro dei Trasporti, è indagato a piede libero

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Decine di arresti in tutta Italia  per corruzione in due distinte inchieste sulle Grandi Opere e sul Terzo Valico ferroviario. Quattro le persone arrestate che legano le due operazioni rispettivamente dei Carabinieri di Roma e quella della Guardia di Finanza di Genova. L’indagine dei Carabinieri nasce da uno stralcio dell’inchiesta su Mafia Capitale e riguarda appunto anche quattro soggetti che avrebbero avuto a che fare con i lavori del Tav ligure e che sono anche destinatari del provvedimento della procura di Genova nell’inchiesta sul Terzo valico.

Tra gli arrestati nell’ ambito dell’inchiesta sulle grandi opere, c’è anche Giandomenico Monorchio, imprenditore e figlio dell’ex ragioniere generale dello Stato Andrea. Giuseppe Lunardi, invece, figlio dell’ex ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, risulta indagato a piede libero.

La consegna di una tangente è stata documentata dagli investigatori della Guardia di Finanza all’interno di alcuni uffici del Consorzio Cociv, un colosso di cui fanno parte Salini Impregilo, Condotte e Civ che sta realizzando i sei lotti della linea ad Alta Velocità Genova-Milano. Lo scambio della ‘bustarella’ avviene tra un dirigente generale del Consorzio e un imprenditore: le immagini delle telecamere nascoste posizionate dagli uomini della Guardia di Finanza riprendono infatti in un primo momento un soggetto che oscura l’ufficio abbassando le tapparella; successivamente si vede una seconda persona che consegna la ‘bustarella’. I due parlano per qualche minuto dopodiché, secondo gli investigatori, il secondo soggetto si allontana e il primo conta il denaro contenuto all’interno della busta.

“Mi auguro un processo equo e rapido”, ha commentato il premier Matteo Renzi a proposito della vicenda.

Più informazioni su