Carcere, il Sappe: “Di nuovo gesti autolesionistici di detenuti”

Il sindacato accusa: "E intanto mancavano direttore e comandante"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Dopo che sabato scorso, nel carcere di Reggio Emilia, un detenuto ha quasi distrutto un reparto, domenica sera un altro recluso ha ingoiato oggetti, per cui e’ stato necessario trasportarlo in ospedale.

Lo denunciano Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del sindacato della Polizia penitenziaria Sappe e Francesco Campobasso, segretario nazionale. “Le responsabilita’ gestionali appaiono evidenti, soprattutto se si considera quanto ci e’ stato riferito dai colleghi di Reggio Emilia. Sembrerebbe, infatti che, come gia’ avvenuto altre volte, la scorsa settimana direttore e comandante si siano assentati entrambi, quando una precisa disposizione ministeriale stabilisce che, almeno uno dei due, debba sempre rimanere in servizio”, dicono i sindacalisti.

“Chiediamo, quindi, all’amministrazione regionale e centrale di verificare se quanto denunciato corrisponde al vero e, in caso affermativo, di adottare le iniziative opportune”.

Più informazioni su