Via Mascagni, aggredito con il Taser da sudamericani

Un quarantenne reggiano circondato mentre buttava la spazzatura

REGGIO EMILIA – Un quarantenne reggiano è stato aggredito venerdì sera verso le 23 in via Mascagni, secondo quanto riporta la Gazzetta di Reggio, alle spalle mentre buttava la spazzatura davanti a casa sua.

Ha detto di essere stato colpito una scarica elettrica tipo quelle prodotte dal Taser, un’arma che in Italia non si può utilizzare. A partecipare all’aggressione sarebbero state quattro o cinque persone, probabilmente sudamericane.

Tutti avrebbero avuto un tatuaggio molto simile al collo, come un marchio che identifica l’appartenenza a una gang.

L’uomo, dopo l’aggressione, ha chiamato la polizia. L’assalto non è stato scatenato da un diverbio ma sarebbe avvenuto a sangue freddo.