Quantcast

Provoca tamponamento e fugge: trovato e denunciato

Nei guai un 31enne tunisino clandestino che ha causato un sinistro sabato, prima di mezzogiorno, in piazzale Tricolore. Rintracciato grazie alla foto scattata alla sua targa da una delle persone coinvolte nell'incidente

REGGIO EMILIA – Tampona un’automobile ferma al semaforo causando un incidente a catena e fugge: viene rintracciato grazie a una fotografia.

L’episodio è avvenuto sabato, prima di mezzogiorno, in piazzale del Tricolore, a Reggio Emilia. L’uomo, un 31enne di origini tunisine residente a Canossa, alla guida di un’Alfa 147 e proveniente da Modena, ha urtato una Lancia Y ferma in coda al semaforo. L’impatto violento ha spinto la vettura contro altre due automobili ferme anch’esse in coda, provocando un tamponamento a catena.

Invece di fermarsi e assumersi le proprie responsabilità, tuttavia, il trentunenne ha ingranato la marcia e si è dileguato in direzione Parma. Non aveva però fatto i conti con la prontezza di riflessi di una delle persone coinvolte, che con lo smartphone ha scattato una foto alla targa dell’auto in fuga. L’immagine ha poi permesso agli agenti della Polizia municipale, arrivati sul posto per i rilievi, di risalire al proprietario della vettura e, quindi, al conducente.

L’uomo, rintracciato grazie alla collaborazione dei carabinieri del comune matildico, nel pomeriggio di ieri si è presentato all’ufficio infortunistica della Polizia municipale. Il trentunenne, che era senza permesso di soggiorno, è stato sanzionato per guida senza patente, mancato rispetto della distanza di sicurezza e per essersi dato la fuga dopo un incidente: a sua carico è scattata anche la denuncia per il reato di clandestinità.