La Spezia, Iren si aggiudica il 51% dell’impianto trattamento rifiuti

Insieme a Ladurner srl: la società sarà operativa a partire dal primo ottobre

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Sarà operativa a partire dal primo ottobre dell’anno in corso la società che gestirà gli impianti di trattamento dei rifiuti urbani a servizio della provincia di La Spezia e di parte del bacino del Tigullio. Il 51% del capitale sociale della nuova società sarà equamente diviso tra Iren Ambiente S.p.A. e Ladurner S.r.l. del Gruppo Ladurner Ambiente S.p.A. (25,5% ciascuna) mentre il residuo 49% resterà in capo ad Acam Ambiente, che conferirà la propria dotazione impiantistica.

Il parco impianti conferito alla nuova società sarà costituito dall’impianto di selezione e trattamento di rifiuti di Saliceti (autorizzato per circa 105.000 tonnellate all’anno e indicato dal Piano Regionale Rifiuti come impianto di riferimento della zona del Levante Ligure) e dall’impianto trattamento della frazione “verde” derivante da sfalci e potature di Boscalino. La nuova società avrà il compito di effettuare un revamping complessivo degli impianti e di gestirli per un periodo di 26 anni.

L’aggiudicazione da parte di Iren Ambiente S.p.A e Ladurner S.p.A. del 51% del capitale sociale della nuova società è avvenuta a luglio di quest’anno, a valle della relativa gara e comporterà un cash-out pari a circa 7,158 milioni di euro (3,579 milioni di euro in capo a ciascuna). Tale cifra, posta a base d’asta, sarà da corrispondersi per 4,158 milioni di euro al momento dell’acquisto della partecipazione e per la restante parte all’esito delle verifiche straordinarie definite nella documentazione di gara.

L’operazione costituisce per il Gruppo Iren un ulteriore importante tassello nel percorso di consolidamento territoriale delineato nel piano industriale e consente di rafforzare il presidio in un’area frammentata come quella ligure. Rappresenta, inoltre, un’iniziativa importante sulla base della quale potranno essere eventualmente sviluppate ulteriori operazioni sul territorio.

“L’aggiudicazione del 25,5% della costituenda società spezzina non solo consentirà un ulteriore rafforzamento del Gruppo all’interno dei propri territori di riferimento” – ha dichiarato il Presidente Paolo Peveraro – “ma garantirà al contempo una gestione efficiente e sostenibile del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti urbani indifferenziati nell’area del Levante ligure. Questo grazie all’esperienza e al know-how di Iren nel settore e alla sua vocazione verso una sempre maggiore efficienza e innovazione che diventano driver di sviluppo nelle aree nelle quali il Gruppo opera.”

“L’avvio operativo della nuova società” – ha commentato Massimiliano Bianco, Amministratore Delegato del Gruppo – “è un’ulteriore e importante elemento di quel processo di consolidamento territoriale iniziato qualche anno fa ma che, a partire dalla presentazione del piano industriale, ha subito una notevole accelerazione. L’iniziativa odierna segue infatti di qualche mese la chiusura dell’operazione legata ad Atena S.p.A. che ha permesso al Gruppo di ottenere la maggioranza della multiutility vercellese e dimostra ancora una volta il continuo impegno di Iren nel perseguire con puntualità i propri obiettivi strategici.”

Più informazioni su