Quantcast

Fisco, in arrivo a Reggio 600 avvisi per anomalie nei redditi

L'annuncio dell'Agenzia delle Entate: "E' un alert, ci si può ravvedere". Ecco come fare

REGGIO EMILIA – Ben 613 avvisi per anomalie nella dichiarazione dei redditi del 2013 sono in arrivo nelle cassette di reggiani. Sono 6.300, in tutto, in Regione. La maggioranza e’ destinata alla provincia di Bologna (1.680 comunicazioni). Seguono Modena (898), Parma (685), Reggio Emilia (613), Ravenna (575), Forli’-Cesena (560), Rimini (496), Ferrara (438) e Piacenza (404).

Ad inviarle e’ l’Agenzia delle Entrate che cosi’ vuole avvisare i contribuenti che “c’e’ qualcosa che non va” nella dichiarazione del 2013, sui redditi del 2012. Non si tratta di fatti gravi, precisa l’Agenzia, ma di “alert” che danno la possibilita’ ai cittadini di mettersi in regola e beneficiare delle sanzioni ridotte. Sono due le strade a disposizione, per sanare la situazione: se il contribuente ritiene di avere le carte in regola potra’ mettersi in contatto con l’Agenzia e giustificare le anomalie riscontrate.

Se invece ha ragione il Fisco, il contribuente potra’ regolarizzare in maniera agevolata la propria posizione, presentando una dichiarazione integrativa e versando l’importo richiesto, con la procedura del cosiddetto “ravvedimento operoso”. Per chiedere assistenza, il contribuente avvisato puo’ ricorrere ai servizi di assistenza dedicati, rivolgendosi al Call Center dell”Agenzia al numero 848.800.444, da telefono fisso (06.96668907 da cellulare), oppure utilizzando Civis, se e’ abilitato ai servizi telematici. Infine, e’ previsto uno specifico servizio di assistenza negli Uffici territoriali dell’Agenzia, dove il cittadino potra’ essere guidato nella presentazione della dichiarazione integrativa

Esiste l”applicativo on line per calcolare gli importi, ma per chi e” meno pratico di Fisco e vuole mettersi in regola con il “ravvedimento operoso”, da qualche giorno e” disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate un programma di aiuto denominato “Calcolo di sanzioni e interessi del ravvedimento”. L’applicativo permette di quantificare l”importo esatto che il contribuente deve versare, comprensivo di sanzione (ridotta a un sesto del minimo) e interessi, nei casi di errori che riguardino Irpef, addizionali e contributo di solidarieta’.

Questo il link diretto: https://goo.gl/fuCpq2. Intanto, sul sito dell”Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna e” disponibile una sezione informativa dedicata alle lettere “di compliance” (http://emiliaromagna.agenziaentrate.it/site.php?id=12522). Nella stessa sezione e’ pubblicata la puntata della web-radio ascoltabile e scaricabile sulla piattaforma. Allo stessa tema sono dedicate anche alcuni video pubblicati sul canale regionale YouTube (https://www.youtube.com/user/AgenziaEntrateER)