Quantcast

Campegine, oltre alla casa ripuliva anche il conto corrente

Tradita dalle telecamere dei bancomat dove prelevava i soldi: furto aggravato e indebito utilizzo di bancomat le accuse mosse alla donna delle pulizie di una privata abitazione

Più informazioni su

CAMPEGINE (Reggio Emilia) – Una donna delle pulizie 40enne è stata denunciata per furto aggravato e indebito utilizzo di bancomat con l’accusa di aver ripulito, oltre che la casa, anche la borsa di una 65enne di Campegine utilizzando poi il bancomat per prelevare 1.500 euro da un istituto bancario.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto, che hanno condotto le indagini, la donna dopo aver sottratto il bancomat dal portafoglio della vittima, dove incautamente su un foglietto era stato lasciato scritto il Pin, è andata in un vicino sportello bancomat effettuando in 2 giorni 6 prelievi da 250 euro l’uno.

Ad accorgersene la derubata che, consultando tramite l’home banking il suo conto, ha potuto constatare che erano stati effettuati in un istituto bancario del paese sei prelievi da 250 euro l’uno. Accortasi dell’ammanco del bancomat la donna, una 65enne reggiana, è andata dai carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto a sporgere denuncia.

I carabinieri hanno analizzato i filmati del sistema di videosorveglianza della banca e sono risaliti a una donna che i militari, dato che era incensurata, non sono riusciti a riconoscere. Al contrario dei militari la derubata, a cui i carabinieri hanno mostrato le immagini, ha riconosciuto subito la sconosciuta come la sua colf che, chiamata in caserma, ha confessato.

Più informazioni su