Bibbiano, bottigliate al fratello e pugni ai carabinieri: arrestato

Grazie ai carabinieri il congiunto non è stato ferito, mentre i militari sono finiti all'ospedale: marocchino in manette per resistenza e violenza a pubblico ufficiale

BIBBIANO (Reggio Emilia) – Un marocchino 43enne è stato arrestato dai carabinieri di S. Ilario ieri, poco prima dell’una, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale in seguito a un’accesa lite, scoppiata nel loro appartamento di via Risorgimento, a Barco di Bibbiano, per futili motivi con il fratello.

I militari, chiamati dal fratello dell’aggressore, hanno appurato che la lite è nata dalla mancata restituzione di uno zaino. Giunti sul posto i militari, mentre stavano ricostruendo con lui l’accaduto, hanno visto arrivare uno straniero con le mani dietro la schiena come se stesso nascondendo qualcosa.

I carabinieri hanno disarmato l’uomo che aveva una bottiglia di vetro che voleva usare contro il fratello. A quel punto l’uomo ha aggredito i militari torcendo il polso a un carabiniere e sferrando un pugno all’altro. Solo a fatica i militari sono riusciti a bloccare l’esagitato che è stato portato in caserma e arrestato.