Tragedia di Lucca, Olivi: “Vicini a famiglia Vania Vannucchi”

Il presidente di Coopservice: "Proprio in conseguenza di un episodio accaduto a Genova nel 2013 abbiamo scelto di destinare, da allora in poi, il nostro dono natalizio all’Associazione “Donne in rete contro la violenza”

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Sempre, quando sono state colpite dalla violenza di genere nostre socie e dipendenti, abbiamo condannato con forza quegli atti e manifestato attiva solidarietà verso le persone colpite: proprio in conseguenza di un episodio accaduto a Genova nel 2013 abbiamo scelto di destinare, da allora in poi, il nostro dono natalizio all’Associazione “Donne in rete contro la violenza””.

Roberto Olivi, presidente della Coopservice, esprime tutto il suo dolore e la vicinanza alla famiglia per la morte di Vania Vannucchi, l’operatore socio sanitario aggredito e ucciso ieri a Lucca da un collega con cui ebbe una relazione che le ha datto fuoco.

Continua Olivi: “Di fronte ai fatti di Lucca che, a differenza di quanto riferito da alcuni organi di informazione, non coinvolgono dipendenti o ex dipendenti della nostra Cooperativa, proviamo sgomento e rabbia. La vicenda è avvenuta nell’ospedale San Luca dove lavorano più di 50 operatori della nostra cooperativa, in gran parte donne, che ben conoscevano Vania Vannucchi e che sono rimaste sconvolte da questa crudele aggressione e dalla sua morte”.

Conclude Olivi: “Siamo con loro, ci impegniamo assieme a loro perché fatti come questi non accadano più. Siamo vicini alla famiglia di Vania Vannucchi e a tutte le donne che si battono per la vita e per la dignità”.

Più informazioni su