Quantcast

Sisma, il cuore di Reggio batte con i terremotati

Le iniziative a Reggio e provincia per sostenere le popolazioni in centro Italia

REGGIO EMILIA – Il sindaco Luca Vecchi, a nome di tutta l’amministrazione comunale e dei cittadini di Reggio Emilia, esprime un profondo cordoglio alle vittime e alla popolazione colpita dalla tragedia del terremoto, e la propria solidarietà a tutte le istituzioni, unità operative e volontari che si sono attivati per il soccorso. In memoria delle numerose vittime, tra le quali purtroppo era presente una famiglia di Reggio Emilia, il Municipio ha esposto a mezz’asta le bandiere nazionale ed europea, in segno di lutto.

Il conto corrente del Comune di Reggio per donare
Anche Reggio Emilia si è allertata a fronte del tragico sisma che ha colpito le regioni del centro Italia a sostegno della popolazione: sono subito partiti soccorsi con uomini e mezzi che si sono aggiunti alla colonna mobile operativa di Protezione civile della Regione Emilia-Romagna. La colonna, composta da unità cinofile, vigili del fuoco, geologi e altre figure professionali utili, ha già raggiunto i luoghi del terremoto, è quindi attiva e sta aiutando con i propri mezzi e risorse a disposizione le popolazioni colpite. È stato inoltre attivato dal Comune di Reggio Emilia un conto corrente per raccogliere contributi da destinare alle popolazioni terremotate. I cittadini che volessero effettuare versamenti — di qualunque entità — possono farlo sul conto corrente  IBAN: IT 95 J 02008 12834 000104429458, indicando come causale COMUNE DI REGGIO EMILIA – PRO TERREMOTO CENTRO ITALIA 24 AGOSTO 2016.

In seguito alla convenzione con UniCredit spa, che gestisce il servizio di tesoreria del Comune di Reggio, il versamento potrà essere effettuato in una qualsiasi agenzia UniCredit, senza applicazione di alcuna commissione e tutto l’importo verrà devoluto per la causa di solidarietà.

Scrive il Comune: “Si invitano pertanto i cittadini, che volessero dare il proprio contributo, a destinare un aiuto economico attraverso il conto del Comune di Reggio Emilia, oppure attraverso gli altri conti aperti ufficialmente dalle istituzioni coinvolte in prima linea nelle operazioni di aiuto. Per informazioni è possibile consultare il sito della stessa Protezione civile, www.protezionecivile.gov.it. Si ricorda che la raccolta fondi resterà attiva anche nelle prossime settimane, quando, fermata l’emergenza iniziale, continuerà a essere fondamentale la solidarietà di tutti”.

L’Amatriciana solidale al circolo Arci Gardenia
Il circolo Arci Gardenia di Viale Regina Elena 14 invita tutti i reggiani a cena Lunedì 29 Agosto dalle ore 19.30 per un piatto di amatriciana in favore delle persone e dei paesi del Centro Italia colpiti dal sisma del 28 Agosto 2016. I contributi raccolti (5€ al piatto) saranno versati alla raccolta fondi di Arci nazionale per i terremotati.  Le donazioni da tutta Italia saranno versate sul conto corrente, intestato ad Arci presso Banca Etica Scarl IBAN IT 36 A 0501803200 000000000041, indicando nella causale: “Terremoto Centro Italia”. Per chi volesse partecipare alla cena di Lunedì chiamate il circolo Gardenia allo 0522/512901 o mandate una mail a arcigardenia@gmail.com

Coopservice devolve un contributo di 10mila euro
A seguito del terribile sisma che ha colpito vaste zone dell’Italia centrale, Coopservice ha deciso di aderire all’appello lanciato dal presidente nazionale di Legacoop, Mauro Lusetti, per la creazione di un fondo di solidarietà finalizzato a sostenere progetti di aiuto alle popolazioni ed alle strutture delle imprese cooperative che avessero subito danni in conseguenza del disastroso evento.

Coopservice ha deciso di devolvere un contributo di 10.000 euro. La cooperativa, inoltre, ha invitato tutti i propri soci e dipendenti a partecipare all’iniziativa sottoscrivendo sul conto corrente: IT17 N031 2703 2000 0000 0011 000,  attivato presso Unipol Banca ed intestato a LegaCoop e Mutue dedicato a “Sisma Italia Centrale 24/8/2016”.

“Il grave sisma dell’Italia centrale, le immagini che ci arrivano dalle zone colpite ci hanno turbato nel profondo. Anche se non siamo in zone di insediamento della nostra cooperativa – ha dichiarato il presidente di Coopservice, Roberto Olivi –  abbiamo sentito il bisogno di aderire all’invito del presidente Lusetti. Invitiamo i nostri soci e lavoratori ad associarsi al nostro impegno e a sostenere l’iniziativa di Legacoop. Siamo certi che non faranno mancare la loro solidarietà, già dimostrata in molte occasioni, tra cui quelle del sisma che ha colpito l’Emilia nel 2012 e dell’alluvione che, nello stesso anno, ha devastato alcune aree della Liguria ”.

Legacoop lancia una sottoscrizione nazionale
Legacoop si è subito mobilitata per far fronte al dramma che ha colpito le popolazioni dell’Italia Centrale. E’ stato aperto anche un conto corrente bancario apposito. Legacoop esprime solidarietà e vicinanza alle popolazioni ed alle comunità colpite dal terremoto che ha interessato una vasta area dell’Italia centrale la notte del 24 agosto 2016. Si unisce al dolore di tutto il Paese inviando ai familiari delle vittime il proprio cordoglio ed augura ai feriti una loro pronta guarigione.

Al fine di far sentire concretamente la vicinanza del mondo cooperativo a questi territori, ai suoi cittadini ed alle imprese cooperative, Legacoop lancia una sottoscrizione nazionale fra tutte le aderenti ed i loro soci. I contributi che saranno versati verranno finalizzati a progetti di aiuto alle popolazioni ed alle strutture delle imprese cooperative che avessero subito danni come conseguenza del disastroso evento. Una puntuale e pubblica rendicontazione renderà edotti i sottoscrittori e l’opinione pubblica delle risorse ricevute e di come sono state finalizzate.

Chi volesse effettuare un versamento può farlo attraverso un bonifico nel conto corrente bancario aperto presso Unipol Banca intestato a: Lega Nazionale Coop e Mutue dedicato a: sisma Italia centrale del 24/08/2016 Codice IBAN: IT17 N031 2703 2000 0000 0011 000.

Parmigiano Reggiano: un euro per ogni chilo di formaggio acquistato negli spacci aziendali
Il Consorzio e i caseifici del Parmigiano Reggiano si mobilitano a favore delle popolazioni dell’Italia centrale colpite dal terremoto del 24 agosto. Dopo l’immediato invio (avvenuto ieri) di prodotto da utilizzare nelle mense allestite dalla Protezione Civile, numerosi caseifici, infatti, hanno già aderito alla proposta dell’Ente di tutela di destinare ai terremotati un euro per ogni chilogrammo di Parmigiano Reggiano venduto negli spacci aziendali.

L’intervento, denominato “Un euro per rinascere”, si protrarrà fino al 31 dicembre prossimo e, seppure con una diversa destinazione, replica l’operazione che nel 2012 consentì di raccogliere centinaia di migliaia di euro a favore dei caseifici dell’Emilia e del mantovano colpiti dal doppio sisma del 20 e 29 maggio.

“Siamo vicini nel dolore e nella solidarietà – sottolinea il presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Alessandro Bezzi – alle popolazioni del Centro Italia drammaticamente colpite dal terremoto. Pensando alle vittime, alle loro famiglie, alle tragedie personali e collettive, ci sentono colpiti come quattro anni fa, quando il sisma devastò tanta parte del nostro territorio e tanti caseifici (37, con danni economici per oltre 100 milioni di euro) spezzando vite, distruggendo case e storie di lavoro”.
“Siamo rinati – prosegue Bezzi – grazie all’aiuto di milioni di persone e alla solidarietà di ogni caseificio nei confronti di chi era stato colpito. Siamo rinati per aiutare a rinascere, ed è a questo che oggi ci sentiamo chiamati”.

Il Consorzio ha già aperto anche un conto corrente sul quale tutti i caseifici possono effettuare versamenti a favore delle popolazioni colpite dal terremoto, mentre l’operazione “Un euro per rinascere” partirà all’inizio della prossima settimana, quando i caseifici aderenti riceveranno gli appositi bollini da applicare sul prodotto confezionato e venduto proprio per i fini solidali.

Nell’esprimere vicinanza e solidarietà alle popolazioni di Amatrice, Accumuli, Pescara del Tronto e di tutti i paesi devastati dal terremoto, il Consorzio del Parmigiano Reggiano informa che l’elenco dei caseifici aderenti all’iniziativa “Un euro per rinascere” sarà costantemente aggiornato sul sito www.parmigianoreggiano.it

Reggiolo, parte del ricavato di Disco Emilia per le popolazioni colpite dal sisma
Una mano tesa alle persone colpite dal terremoto del Centro Italia. Reggiolo vive il dramma dei terremotati e si rimbocca le maniche per organizzare la solidarietà, anche con una festa. Domani, sabato e domenica parte del ricavato di “Disco Emilia”, l’evento con mostra dedicato alla storia dei grandi locali da ballo e alla movida degli anni ‘70/’80 organizzato dall’associazione Parco dei Salici con il patrocinio del Comune di Reggiolo, andrà alle popolazioni colpite dal sisma.

Al parco di via IV Novembre, dalle ore 22 si balla con i dj protagonisti di un’epoca fiorente delle discoteche ( 501, 2 Stelle, Marabù, Picchio Rosso, Corallo, Bandiera Gialla). Ma prima non mancheranno le occasioni di confronto con i relatori che presenteranno il percorso per immagini offerto dalla mostra. Domenica, a partire dalle 19, aperitivo con dj set fino a tarda notte.

“Nel caso di Reggiolo la solidarietà di molti paesi è stata fondamentale per la rinascita del comune dopo il sisma – ha detto il sindaco Roberto Angeli –. Per questa ragione vogliamo anche noi dare un piccolo segnale a quei territori del Centro Italia pesantemente colpiti dal terremoto”.

Il Comune di Guastalla pronto a inviare volontari
Anche il nostro Comune è vicino alla popolazione colpita dal terremoto, i servizi dei telegiornali e le tante immagini sul web ci riportano al 2012. Come anticipato dal sindaco, la Protezione Civile di Guastalla è già in collegamento con i diversi dipartimenti per intervenire quando sarà opportuno, per questo nei prossimi giorni terremo informati i cittadini sulla necessità di invio di volontari.

Volontari in partenza da Castelnovo Monti
La Croce Verde di Castelnovo Monti e Vetto ha attivato la fase di censimento tra i propri volontari. E’ infatti probabile il dovere dare cambio ai colleghi del soccorso già sul posto entro il fine settimana. Il primo nucleo di soccorritori in partenza sarà composto da 5/6 volontari con Sala Operativa Mobile e Ambulanza.
“E’ il minimo che possiamo fare – spiega il presidente Iacopo Fiorentini – purtroppo sembra di rivedere situazioni e drammi de l’Aquila del 2009. Ci impegneremo per tutta la durata dell’emergenza”.

Cavriago apre due conti correnti
Bandiere abbrunate sulla facciata del municipio di Cavriago per esprimere il cordoglio dei cavriaghesi per le vittime del terremoto.  Il sindaco e la giunta comunale esprimono la vicinanza e la solidarietà dell’Amministrazione e dei cittadini cavriaghesi alle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto scorso, con l’impegno a collaborare con le altre Istituzioni per dare un concreto aiuto. Segnaliamo che, al momento sono attivi due conti correnti: Conto corrente intestato a Agenzia Protezione Civile Emilia-Romagna IBAN IT69G0200802435000104428964 – Causale: Emilia Romagna per sisma Centro Italia”. Conto Corrente bancario intestato a Provincia di Reggio Emilia per le emergenze e la solidarietà IBAN: IT 12 I 02008 12800 000100658213 – causale Terremoto Centro Italia 2016.