Sassuolo-Stella Rossa, Petali e Aquatico resteranno chiusi

La presidente Prampolini invita gli esercizi della zona intorno allo stadio ad abbassare le saracinesche. Stamattina il summit sulla sicurezza: per i tifosi ospiti sarà riservato uno spazio in zona fiera, pronta ordinanza anti alcol in tutta la zona. Solo mille i biglietti a disposizione

REGGIO EMILIA – Reggio si prepara al “tour de force” del 18 agosto quando, in occasione della partita Sassuolo-Stella Rossa Belgrado che si svolge al Mapei Stadium-Citta’ del Tricolore, saranno presenti anche un migliaio di tifosi serbi, molto temuti per la loro violenza. Oggi si e’ svolto un incontro convocato d’urgenza per discutere delle misure di sicurezza da attuare, ma anche Confcommercio lancia un appello ai suoi associati per tenere i negozi chiusi in quella zona, mentre Petali e Aquatico quel giorno resteranno chiusi.

L’incontro in prefettura è stato convocato d’urgenza per discutere delle misure di sicurezza da attuare. Alla riunione erano presenti il presidente della Provincia, il vice sindaco del Comune di Reggio, i rappresentanti di Questura, Carabinieri, Finanza e Corpo forestale dello Stato, dell’Azienda Usl, dell’Arcispedale Santa Maria Nuova, della società Seta, i delegati del Sassuolo Calcio, della Camera di Commercio, dell’Associazione Commercianti – ASCOM, della Confesercenti, della CNA, nonché del Centro Commerciale “I Petali” e della Soc. Kinema, gestore del “Centro aquatico”, contiguo allo stadio. C’erano anche rappresentanti dell’organizzazione di “Festareggio”, attesa la concomitanza dello svolgimento della partita di calcio con l’apertura della manifestazione che si terrà al Campovolo.

Sono stati esaminati tutti gli aspetti attinenti l’organizzazione dei servizi da predisporre per assicurare l’accoglienza della tifoseria ospite in attesa dell’inizio della partita e sono state condivise e pianificate le misure di sicurezza, ritenute necessarie, che saranno definitivamente messe a punto nel corso della prossima riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine a la Sicurezza Pubblica che si terrà il 17 agosto in Prefettura.

“Per garantire l’ordine pubblico e non mettere a repentaglio persone e attivita’, gli associati che gravitano sulle zone di via Filangeri, via Morandi, via del Chionso, zona stadio, sono invitati a riflettere sull’opportunita’ di tenere chiuse le attivita’ commerciali nell’intera giornata del 18 agosto”, annuncia sul suo profilo di Facebook la presidente provinciale dell”associazione Donatella Prampolini, sottolineando che “lo stesso invito e’ stato fatto al centro commerciale I Petali e a tutte le attivita’ nei dintorni, comprese la palestra, la multisala e la piscina”.

Prosegue Prampolini: “Siamo consapevoli di chiedere uno sforzo economico importante in questo difficile momento, soprattutto per le attivita’ stagionali, ma l’appello e’ frutto di una serie di valutazioni che ci portano a pensare che il rischio di tenere aperte le attivita’ in queste circostante sia troppo elevato”. Intanto, da parte del Comune di Reggio Emilia sono state previste una serie di iniziative per isolare le zone coinvolte nell’evento.

Per i tifosi ospiti sara’ riservato uno spazio in prossimita’ della zona fiera. L’area sara’ rifornita dei beni e dei servizi di prima necessita’ e la societa’ di trasporto Seta mettera’ a disposizione navette dedicate al trasporto dei tifosi nella zona stadio. Ci sara’ inoltre una modifica della viabilita’ che verra’ resa nota nelle prossime ore e alcune strade saranno chiuse. Probabilmente verra’ anche adottata una ordinanza “anti-alcool” in tutte le aree interessate.

La Protezione civile sara’ di supporto all’area. Il Sassuolo Calcio ha inoltre reso noto che i biglietti per la squadra ospite saranno contingentati nel numero massimo di mille e che non sara’ possibile l’acquisto di ulteriori titoli di accesso a Reggio Emilia. La squadra ospite arrivera’ nella giornata del 17 agosto ed effettuera’ l’allenamento pre-partita nella stessa serata.

“Per quel che riguarda la tifoseria ospite, il reale oggetto di preoccupazione, sappiamo che sono avvezzi ad atteggiamenti violenti e pericolosi, pertanto la cosa piu’ importante sara’ cercare di mantenerli riuniti nella zona individuata a tal fine dal Comune di Reggio Emilia”, interviene ancora Prampolini. “Chiaramente tutto cio’ sara’ possibile per i gruppi organizzati che arrivano con mezzi pubblici, ma sara’ estremamente difficile per coloro che viaggeranno con auto privata. Per questo chiediamo a tutti gli albergatori associati di collaborare con la questura segnalando gli arrivi di tifosi che viaggiano in maniera non organizzata”, conclude Prampolini (fonte Dire).