Quantcast

San Polo, viaggi in business con carta clonata: denunciato

Frode informatica e indebito utilizzo di carta di credito l’accusa mossa a trentenne di Napoli dai carabinieri di San Polo

SAN POLO (Reggio Emilia) – Un trentenne di Napoli è stato denunciato per frode informatica e indebito utilizzo di carta di credito dai carabinieri di San Polo. L’uomo era una sorta di turista-hacker che decodificava le credenziali della carta di credito di vari cittadini italiani comprando biglietti aerei e ferroviari, rigorosamente in business class, per andare nelle città italiane e nelle capitali mondiali più ambite.

Nel reggiano sono state due le vittime: un operaio 30enne e un impiegato 40enne, entrambi di San Polo d’Enza, che, grazie alla segnalazione pervenutegli dal gestore dei servizi interbancari, si sono accorti delle anomali spese e si sono rivolti ai carabinieri della stazione di San Polo che, attraverso mirate indagini telematiche sono risaliti sia all’hacker napoletano.

Ora i carabinieri di San Polo intendono far luce sull’eventuale giro d’affari truffaldino del 30enne, anche alla luce dei precedenti specifici che l’hanno visto con le stesse modalità truffare altre persone.