Rissa a Correggio, il questore chiude un bar per 15 giorni

Il provvedimento nei confronti del Cappuccini di via Timolini davanti al quale si consumò la lite fra pakistani

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Quindici giorni di chiusura, dopo la rissa e i ripetuti problemi di ordine pubblico registrati dai carabinieri correggesi. Dovrà osservarli il bar Cappuccini di Correggio, in via Timolini, all’esterno del quale la sera del 19 agosto scorso è scoppiata una violenta rissa tra una quindicina di cittadini pachistani davanti agli occhi impauriti dei clienti e di altri cittadini, tra cui alcuni bambini.

Ma non solo: i ripetuti controlli eseguiti nel tempo dai carabinieri di Correggio avrebbero rilevato che nel bar si ritroverebbero spesso persone con questioni aperte con la giustizia italiana, oltre che persone che sarebbero dedite al consumo di stupefacenti.

Un quadro che sarebbe stato delineato in maniera dettagliata dai carabinieri di Correggio che hanno richiesto ed ottenuto dal questore di Reggio il provvedimento di sospensione per motivi di ordine pubblico, per quindici giorni della licenza del bar con l’obbligo per l’esercente di affiggere in maniera ben visibile all’esterno del locale un cartello con la scritta “Chiuso per provvedimento di polizia”.

Il provvedimento è attivo da oggi ovvero all’indomani della notifica eseguita ieri pomeriggio dai carabinieri di Correggio al gestore dell’atto firmato dal questore.