Tangenziale nord, i Civici: “Incombe rischio stop”

La Rubertelli: "La giunta chiarisca se c'è un vincolo di inedificabilità"

REGGIO EMILIA – Nel lungo iter per il completamento della tangenziale Nord di Reggio Emilia spunta un intoppo. Lo segnala, dopo le previsioni ottimistiche sull’opera del Comune, la capogruppo dell’Alleanza civica Cinzia Rubertelli. Nella seduta del Consiglio di lunedi’ scorso infatti, dopo aver fatto riferimento all’attestazione di conformita’ urbanistica rilasciata dalla dirigente e allegata alla delibera di variante al piano strutturale comunale, la civica ha sollevato la questione del vincolo di inedificabilita’ assoluta previsto nell’area di rispetto dei depuratori, attraversata proprio a Cella dal nuovo tracciato della tangenziale.

“Dai banchi della giunta, presidiata dall’assessore Tutino, si e’ palesata una imbarazzante ed inspiegabile scena muta. Nessuna spiegazione”, dice Rubertelli, che dunque incalza: “Perche’ non si e’ detto nulla di questa situazione? C’e’ o non c’e’ la conformita’ urbanistica in considerazione del vincolo presente?”. La consigliera tiene inoltre a sottolineare che “la saccenza politica del Pd ha gia’ causato un grave ritardo poiche’ aver voluto strappare la progettazione ad Anas per gestirla internamente in Comune, ha provocato un grave ritardo per la necessita’ di rifare un progetto preliminare (costo della progettazione 460.000 euro) che Anas casso’ in buona parte”.