Quantcast

Mirabello, in 5mila per la Rivoluzione dei Negramaro video

Sangiorgi e compagni non si sono risparmiati con un concerto di quasi due ore e mezzo. L'omaggio alle vittime di Nizza

REGGIO EMILIA – La Rivoluzione dei Negramaro è arrivata allo stadio Mirabello dove ieri è partito il tour estivo della band salentina. Sangiorgi e compagni non si sono risparmiati con un concerto durato quasi due ore e mezzo con cui il gruppo ha deliziato i 5mila spettatori reggiani.

Negramaro

Sul palco un maxischermo ed effetti speciali con tanto di avatar e mapping 3 D. Il concerto è iniziato sulle note di “Sei tu la mia città” e il “Posto dei santi” con la band nascosta da un telo sul quale scorrevano le immagini del “Bottergibilie” pilotato dai Negramaro in versione animata con le illustrazioni firmate dal bassista Ermanno Carlà. Poi il maxischermo è caduto e Sangiorgi si è ripreso il palco per uno spettacolo, come dicevamo, di oltre due ore con una scaletta di più di venti brani.

C’è stato anche un minuto di silenzio per le vittime di Nizza che saranno poi ricordate anche alla fine con la proiezione del dipinto di Matisse, “La Baia di Nizza”. Sul palco, oltre a Sangiorgi, il chitarrista Emanuele Spedicato, il bassista Ermanno Carlà, il batterista Danilo Tasco, Andrea De Rocco al campionatore e il pianoforte e sintetizzatori di Andrea Mariano. Lo show è continuato con un mix di mapping 3d, avatar proiettati ed effetti speciali vari. E’ la volta di “Attenta” seguita da “L’amore qui non passa”, poi “Meraviglioso”, “Nuvole e lenzuola”, “L’ultimo bacio” e “Un passo indietro”. Tanti, durante il concerto, gli intermezzi affidati anche ai singoli componenti della band.

Giuliano Sangiorgi sul palco

Giuliano Sangiorgi sul palco

Per chiudere le oltre due ore di spettacolo i Negramaro hanno pensato anche a quello che in termini tecnici si definisce mashup, ovvero canzoni diverse legate tra di loro, sulle note di “Solo 3 minuti”, “Estate” e “L’immenso”, ma anche “Mentre tutto scorre” e “La finestra”. Grande serata e, finalmente, grazie anche agli organizzatori di Medials live, un concerto di livello in una città piuttosto avara di grandi eventi questa estate in attesa degli spettacoli di Festareggio di fine agosto. Stasera si replica con gli Afterhours.

L'omaggio alle vittime di Nizza

L’omaggio alle vittime di Nizza