Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Inchiesta tangenti, Alfano nella bufera

Ci sarebbe anche il nome del ministro nelle intercettazioni allegate all'inchiesta della Procura di Roma per corruzione e riciclaggio. Sono 24 gli arresti

ROMA – Bufera sul ministro degli Interni, Angelino Alfano: ci sarebbe anche il suo nome nelle intercettazioni allegate all’inchiesta della Procura di Roma per corruzione e riciclaggio. Alfano, secondo quanto riportato da diversi quotidiani, viene citato per l’assunzione di suo fratello alle Poste.

Alfano, tuttavia, respinge le accuse: “Siamo di fronte al ri-uso politico degli scarti di un’inchiesta giudiziaria – dice il ministro -. Ciò che i magistrati hanno studiato, ritenendolo non idoneo a coinvolgermi in alcun modo, viene usato per fini esclusivamente politici. Le intercettazioni non riguardano me, bensì terze e quarte persone che parlano di me. Persone, peraltro, che non vedo e non sento da anni”.

Accertamenti su diverse nomine in società apparse nell’inchiesta della procura di Roma, compresa quella sull’assunzione del fratello di Angelino Alfano a Postecom, sono stati eseguiti dalla procura di Roma e dai finanzieri del nucleo di polizia valutaria prima dell’operazione culminata nell’emissione di 24 misure di custodia cautelare tra carcere e domiciliari.

Le verifiche in questione non hanno determinato formali contestazioni di reati. Il tutto, secondo quanto si è appreso, per verificare l’attendibilità di Raffaele Pizza, considerato al vertice dell’organizzazione specializzata nel condizionare nomine presso società private e influenzare appalti pubblici. Lo spunto per questi accertamenti è scaturito anche da un’intercettazione del 9 gennaio 2015 in cui Pizza, fratello dell’ex sottosegretario Giuseppe, rivendica di essere stato lui a far assumere Alessandro Alfano.

 

Nell’ordinanza citati anche Sarmi e Boeri –  Si parla anche di una proroga di un mega appalto Inps ad un consorzio di imprese nelle carte dell’ inchiesta della procura di Roma su mazzette e riciclaggio: una proroga – come riferiscono oggi alcuni quotidiani – sul cui esito positivo il faccendiere Raffaele Pizza (fratello dell’ex sottosegretario Giuseppe) rassicura il referente del consorzio, Roberto Boggio, sottolineando le sue ottime “entrature”.