Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Blitz nel caffé a Dacca, salvi 18 ostaggi

Liberati dalle teste di cuoio i turisti stranieri, tra cui 7 italiani, presi in ostaggio ieri sera da un commando di terroristi islamici. Ci sarebbero diversi morti e feriti

DACCA (Bangladesh) – Blitz delle teste di cuoio nel caffé di Dacca dove un commando di terroristi islamici  ieri sera aveva ucciso due poliziotti e preso in ostaggio un gruppo di almeno venti turisti stranieri, tra cui 7 italiani e alcuni indiani. Nell’assalto delle forze speciali sarebbero rimasti uccisi 6 terroristi. Mancano notizie di 7 cittadini giapponesi.

Il blitz delle forze speciali nel ristorante Holey Artisan Bakery è scattato alle 7:40 ora locale, le 3:40 in Italia.

Oltre un centinaio di uomini del Battaglione di azione rapida hanno assaltato il ristorante, dove si erano asserragliati dai sette ai dieci terroristi. Le teste di cuoio nella notte avevano cercato di trattare con loro, ma senza risultato. Un sito legato all’Isis, Amaq, che aveva già pubblicato la rivendicazione del Califfato all’attacco, ha diffuso foto di presunte vittime all’interno del ristorante: cinque o sei cadaveri di donne e uomini per terra, in pozze di sangue, fra i tavoli con ancora i resti della cena. L’attacco delle teste di cuoio è durato una decina di minuti, durante i quali si sono sentiti spari ed esplosioni.