Rubiera, clona carta di credito e viaggia mezzo mondo

Hacker russo denunciato: aveva clonato la carta di credito di un operaio 30enne di Rubiera ed era andato in vacanza a Mosca, Venezia, Roma e New York

RUBIERA (Reggio Emilia) – A spese di un ignaro cittadino di Rubiera a cui aveva “carpito” i dati della carta di credito, ha visitato le piu’ belle capitali del mondo: citta’ come Mosca, Venezia, Roma e New York. Per questo, con l’accusa di frode informatica e indebito utilizzo di carta di credito, i carabinieri della stazione di Rubiera hanno denunciato alla Procura di Reggio Emilia un pirata informatico di 52 anni di nazionalita’ russa.

Operando dalla Russia, l’hacker e’ riuscito a decodificare le credenziali della carta di credito di un operaio 30enne di Rubiera, prelevando dal suo conto alcune migliaia di euro, poi spesi in viaggi turistici. L’operaio si e’ accorto degli ammanchi avvertito dal gestore dei servizi interbancari e si e’ rivolto ai carabinieri. I militari, attraverso indagini telematiche, sono risaliti al truffatore, a carico del quale risultano “incontrovertibili elementi di responsabilita’”.