Quantcast

PalaEventi, ecco il progetto della mega arena di Mancasale

Mandato esplorativo a studio Valeriani-Volta per la realizzazione di un'arena spettacoli indoor della capienza indicativa di 11.000-15.000 posti. Il sindaco Vecchi: "Sono venuti da me, attendiamo il piano industriale"

REGGIO EMILIA – L’arena per concerti e spettacoli di cui si parla da tempo per il Campovolo di Reggio Emilia potrebbe in futuro avere un progetto concorrente. A renderlo noto (con tanto di sito: www.wearena.it) e’ lo studio legale Valeriani-Volta (Tiziana Volta, è commissario liquidatore dell’ente fiere mentre la Valeriani è anche direttore dell’Ervet, ndr) di Reggio Emilia che, in una nota a firma dell’avvocato Livia Bianchi, annuncia di aver ricevuto il 16 dicembre 2015 un mandato esplorativo per la realizzazione “di un’arena spettacoli indoor della capienza indicativa di 11.000-15.000 posti, da inserire nel circuito delle primarie arene europee dell’entertainment, da realizzarsi a Reggio Emilia in prossimita’ della stazione Av Mediopadana”.

A incaricare lo studio legale e’ stato “un primario player nazionale operante nelle settore dell’entertainment con particolari competenze nell’organizzazione di eventi live music”. Sul progetto, aggiunge la nota “e’ maturato un crescente concreto interesse da parte di significative realta’ cittadine” mentre lo studio ha presentato l’idea ed i soggetti promotori “ai principali tavoli amministrativi ed istituzionali della citta’, riscontrandone il pieno consenso”.

La prima fase di lavoro ha cosi’ visto lo studio legale ed i propri consulenti “attivi per raccogliere una preventiva manifestazione d’interesse al progetto da parte dei partner interessati, manifestazioni raccolte che successivamente sono state ufficializzate formalmente alla societa’ di sviluppo costituita allo scopo”. Quest’ultima, il 23 marzo scorso, ha conferito alla multinazionale Repucom l’incarico di definire i valori di mercato equi per tutti gli sponsor del progetto, oltre ad una analisi del settore Musica dal vivo in Italia.

Il 15 aprile invece, riporta sempre la nota, lo studio di architettura e ingegneria “Politecnica” e’ stato incaricato di redigere uno studio di prefattibilita’ “per la realizzazione di un complesso di edifici atti a costituire un entertainment district in aree adiacenti alla Stazione Mediopadana”. Federico Spattini, gia’ amministratore della societa’ aeroporto e’ infine il professionista incaricato “di redigere il piano economico finanziario da condividere a breve con il soggetto mandatario ed i partner locali che hanno manifestato il loro interesse”.

Il sindaco Vecchi: “Sono venuti da me, attendiamo il piano industriale”
Intervistato da Reggio Sera, il sindaco Vecchi ha commentato così la vicenda: “Ci sono dei soggetti interessati ad investire sulla città che, spesso e volentieri, vengono in Comune e manifestano le loro idee. Noi, di fronte a persone che vogliono investire su Reggio e su funzioni nuove, non possiamo che mostrare interesse. Dopodiché un conto sono le idee e un conto i piani industriali. Abbiamo avuto un primo livello di contatto, con dei professionisti che sono venuti qui qualche mese fa a incontrarmi, con la Valeriani (c’era anche Federico Spattini, ex presidente della società aeroporto, ndr). Se questi progetti si concretizzano, li valuteremo positivamente”.