Musica: il “Club 66” celebra i 50 anni

Stasera concerto gratuito di una delle band di riferimento del beat

Più informazioni su

RUBIERA – Si intitola “In concerto 50 anni dopo” la serata con cui stasera in Piazza del Popolo sarà festeggiata la nascita del “Club 66”, gruppo musicale nel quale si sono alternati molti artisti: nato a Rubiera in piena epoca beat, fu punto di riferimento della musica anni ’60 e ’70 non solo nel reggiano ma in tournée a livello nazionale, esibendosi con complessi quali l’Equipe 84, i Nomadi, i Corvi, i Dik Dik e cantautori come Antonello Venditti e Lucio Dalla.
« E’ stata una band al cui interno alcuni si sono costruiti una personale carriera – spiega uno dei protagonisti – è stato quindi una fucina di talenti».
Fra questi Moreno Rossi, pianista e cantante che lavora stabilmente in tutti i locali d’Italia; Lauro Rossi leader vocale di una band, il 49%, con la quale negli anni ’70 girò i locali più importanti; il maestro Maurizio Tirelli, che come musicista vanta lunga collaborazione con Andrea Mingardi, come arrangiatore ha lavorato per artisti quali Mia Martini, Luca Barbarossa, Lucio Dalla, e come autore di canzoni per Gianni Morandi, Mina e lo stesso Mingardi, con il quale si esibì a San Remo insieme ai Blues Brothers. Ma San Remo per Tirelli significa soprattutto Laura Pasini: era il suo direttore d’orchestra e arrangiatore quando, nel 1993, lei esordì con “La solitudine”, brano che la lanciò. Altri membri del gruppo rubierese sono stati nel tempo Ginetto Canovi, Mario Casali, Alberto Garuti, Angelo Ricchetti, Mauro Ricchetti e Luciano Riva. Lo spettacolo, patrocinato dal Comune di Rubiera, è gratuito: il gruppo ha preparato un percorso musicale che va dai brani della propria costituzione ai giorni nostri.

Più informazioni su