Guastalla, picchia la moglie davanti al figlio: arrestato

Di fronte all’ennesima aggressione, che ha visto la donna riportare 10 giorni di prognosi, per il reggiano sono scattate le manette

GUASTALLA (Reggio Emilia) – Un 50enne reggiano è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni e atti persecutori dopo che ieri pomeriggio aveva picchiato la moglie davanti al figlio minore mandandola in ospedale.

I carabinieri di Guastalla sono intervenuti in un’abitazione del Comune della bassa reggiana dove era stata segnalata una donna picchiata dal marito. All’arrivo si sono imbattutti nella signora che, in lacrime e con evidenti segni delle percosse alle spalle, ha detto di essere stata aggredita dall’uomo. Dopo aver garantito i soccorsi alla donna, per lei 10 giorni la prima prognosi refertata dai sanitari dell’ospedale per policontusioni, i militari hanno appurato che le lesioni le erano state provocate durante una lite con il marito.

Nel corso degli accertamenti sono emersi anche altri reiterati episodi di violenza avvenuti sin dallo scorso mese di aprile, quando la donna era stata aggredita con schiaffi e calci. L’ultimo grave episodio di violenza, avvenuto ieri pomeriggio, è stato compiuto davanti al figlio minore che ha dovuto assistere alle botte inferte dall’uomo alla donna. Oltre alle violenze, l’uomo, da alcuni mesi, minacciava di morte, quasi tutti i giorni, sia la moglie che la suocera.

Il marito è stato quindi arrestato. Alla base della condotta violenta dell’uomo futili motivi come quelli di ieri che avevano visto la donna chiedere soldi per le esigenze familiari ricevendo come risposta violenze e minacce di morte.