Grissin Bon, il PalaBigi è l’ultima speranza

La mistica del Bigi potrebbe spingere i biancorossi a gettare il cuore oltre l’ostacolo. Vista così, tuttavia, questa EA7 sembra assai poco negoziabile alla lunga

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – E’ 2-0 per Milano che dimostra ancora una volta di essere un diesel con, in aggiunta rispetto a gara 1, il fatto di non avere mollato quando ha finalmente trovato il ritmo e la quadra giusta.

Ragionandoci, l’Olimpia è stata notevolmente più brillante e continua in attacco. In difesa, al contrario, per due quarti e mezzo la squadra di Repesa ha abbassato i suoi standard di aggressività e presenza, rispetto a gara 1. Ha difeso ottimamente nei primi secondi dell’azione ma perdendo smalto mano a mano che i 24″ progredivano. Chiaro che, però, a vantaggio dei milanesi c’è il fatto di avere un roster lunghissimo, ergo, con ampie, amplissime possibilità di giocare press per tutta la partita e fiaccare le resistenze Reggiane che ormai paiono al lumicino.

Statisticamente c’è poco da fare. Se in due partite concedi 87 e 94 punti, che alla media fa 90.5 punti, come si può pensare di vincere su qualsiasi campo di Serie A? Se concedi 12 rimbalzi in più agli avversari, se perdi 20 palloni (e ne recuperi solo 5), se la tua efficienza offensiva è di 0.91 (e quella degli altri è 1.11), se la valutazione complessiva è di 113 a 55, come pensi di poter vincere?

Reggio, da un certo punto di vista, ha fatto anche troppo. Nelle condizioni date. Innanzitutto questa Milano non è quella che ha giocato la serie contro Venezia. Pur con i soliti “buchi”, le rotazioni di Repesa paiono più puntuali e pare una squadra con una certa quadratura. Anche dalle dichiarazioni, pre e post gara dei loro giocatori, si nota come ci sia rispetto per l’avversario e la perfetta consapevolezza di avere a che fare con una squadra pericolosa. Probabilmente Venezia l’hanno sottovalutata, Reggio no. Quindi stanno “giocando”.

Il punto è: cosa serve per vincere a Milano in inferiorità di organico e di talento su tutto il roster? Sicuramente una partita “perfetta” da parte di tutti i giocatori sani a disposizione i quali dovrebbero dare, tutti, qualcosa in più, indistintamente, su entrambi i lati del campo. Sapere che se si gioca soft in difesa, alla lunga non si sta in campo. Una certa durezza mentale. Perdere pochi palloni. Tenere botta nella lotta a rimbalzo. Se il tuo miglior rimbalzista è De Nicolao (5 in gara 2), ci sono enormi problemi.

Kaukenas 0 rimbalzi, Della Valle 0 rimbalzi, Needham 0 rimbalzi, Silins 3 rimbalzi (Veremeenko e Lavrinovic 2, Polonara 3). Questo in gara 2. Della Valle e Kaukenas hanno preso 0 rimbalzi anche in gara 1 (Needham 3, De Nik 3, Silins 2.) ed anche il differenziale sotto i tabelloni, in gara 1, è stato -15. Il film non mente. Gli esterni di Reggio non vanno a rimbalzo e quindi non generano quei possessi in più che possono tenere la squadra in vita (e soprattutto scaricano l’onere di dover lottare ad armi impari sui lunghi che però ne hanno veramente poco) e darti quindi una chance se non altro di competere in condizioni di palese inferiorità. In più se tratti male la palla.

Infine, spiace dirlo, ci sono giocatori che questa serie finale non la stanno giocando. Derek Needham sta dando l’impressione di essere in una cosa più grande di lui e non riesce a garantire quella solidità che sia contro Sassari che contro Avellino è riuscito a dare (almeno in parte). Achille Polonara in questa finale non c’è entrato. Al di là dei limiti tecnici, è proprio l’atteggiamento che è sbagliato. Arrendevole. Passivo. Scarico. Gli stanno togliendo le sue mattonelle e lui smette. Invece, dovrebbe, e qui si vede che forse forse il massimo livello ancora non gli appartiene, provare a rendersi utile in tante altre piccole cose: rimbalzi, recuperi, difesa e fisicità in post basso. Se pensa che, siccome è Polonara, i vari Sanders, Macvan, McLean e compagnia cantante si facciano da parte, è già finita la finale. E non si puo nemmeno sperare che uno di 39 anni (Kaukenas) faccia 27 ogni due giorni o che le ginocchia martoriate di Lavrinovic reggano brillantemente contro degli alteti come i centri di Milano.

Si torna al Bigi. E’ l’ultima speranza. La sua mistica. Molte cose cambieranno. Questo è certo. Reggio avrà una fisicità diversa e un’intensità diversa. Milano è notorio che in posti come Via Guasco fatica a giocare e concederà probabilmente di più. Sarà sufficiente per ribaltare la serie? Difficile pensarlo adesso. Realisticamente, la Grissin Bon deve pensare a giocare un basket molto più efficace e provare a portare a casa Gara 3. Provare a minare le certezze di Milano. Occorrerebbe costringerla ad una battaglia senza quartiere. La mistica del Bigi potrebbe spingere i biancorossi a gettare il cuore oltre l’ostacolo. Vista così, tuttavia, questa EA7 sembra assai poco negoziabile alla lunga.

Continua su Sportfromthecouch

Più informazioni su