Quantcast

Scandiano, approvato il bilancio di previsione 2016

Con il voto contrario dei gruppi d'opposizione (M5Stelle e Centro-Destra). "Tagliate le tasse di due milioni di euro, nonostante le ulteriori riduzioni di trasferimenti statali"

Più informazioni su

SCANDIANO (Reggio Emilia) – “Tagliate le tasse di oltre 2 milioni, mantenendo, anzi migliorando i servizi al cittadino, nonostante un ulteriore taglio dei fondi trasferiti dallo Stato, appreso da poche settimane”. E’ quel che il Comune di Scandiano è riuscito a fare con il bilancio di previsione 2016. Un bilancio da venti milioni di euro (+5,93%), che vede più che dimezzate le entrate dalla fiscalità locale: i cittadini scandianesi, infatti, secondo quanto comunica il sindaco Mammi, “pagheranno 2,4 milioni di imposte in meno del 2015 (precisamente 1.724.000 contro i 4.125.000 dell’anno scorso)”.

Continua Mammi: “Quanto agli ulteriori tagli previsti dalla legge di stabilità 2016, la riduzione dei trasferimenti statali al Comune di Scandiano è stata di altri 230.000 euro. Per farvi fronte sono stati decisi nuovi risparmi di spesa su personale, utenze, sgombero neve e gestione dell’ente. In più, il bilancio corrente del 2016 prevede due significativi cambiamenti rispetto al 2015: da un lato abbiamo trasferito la funzione sociale all’Unione comunale, dall’altro abbiamo reinserito i Servizi educativi e scolastici all’interno del bilancio comunale. Il nostro obiettivo è garantire la continuità dei servizi già erogati alla collettività utilizzando i risparmi che di volta in volta scaturiranno dalle gestioni”.

Scrive il sindaco: “Per parte nostra, posso dire con un certo orgoglio che il Comune di Scandiano dal 2009 a oggi ha attuato tutte le riduzioni di spesa previste: fra l’altro abbiamo ridotto del 16% il costo del personale, che è sceso di 44 unità (-28,5%) da 155 a 111 dipendenti; e portato il parco auto da 17 a 4 veicoli (-76,5 per cento). Ma per fortuna il bilancio 2016 non è solo tagli e risparmi: la nostra capacità di programmazione e l’allentamento del patto di stabilità ci consentiranno di avviare opere e investimenti su molti fronti: tutela e valorizzazione del patrimonio comunale, con particolare attenzione agli edifici scolastici e alla sicurezza stradale; miglioramenti antisismici e antincendi negli edifici pubblici e loro efficienza energetica; prevenzione del dissesto idrogeologico; sicurezza dei cittadini potenziando la videosorveglianza pubblica. Sono state impegnate opere per € 1.500.000 circa utilizzando l’avanzo investimenti su progetti dei quali possiamo aprire i cantieri già quest’anno. Rifaremo le coperture e incrementeremo l’efficienza energetica della scuola “Boiardo” (300.000€) e della palestra Longarone, dove inoltre rimuoveremo l’amianto e miglioreremo le caratteristiche antisismiche e antincendio (200.000€). Ci saranno poi la riqualificazione, la pavimentazione e la rete fognaria di piazza Duca d’Aosta e via Vallisneri (630.000€); la manutenzione straordinaria di alcune strade – asfalti, rifacimento pedonali, rotatoria Rocca-Mazzini (200.000€); la sostituzione, con moderni sistemi antitrauma, di giochi e arredi nei parchi pubblici e nelle scuole (100.000€: lavori ultimati)”.

E conclude: “Nel complesso, abbiamo approntato un Piano triennale di investimenti per circa 6,4 milioni di euro, quindi in media oltre 2 milioni l’anno da qui al 2018. Un impegno straordinario, che non solo migliorerà la vita dei cittadini, ma darà anche un piccolo contributo all’economia, creando opportunità di lavoro e di occupazione”.

Più informazioni su