Referendum su riforma costituzionale, Boschi in piazza

Il ministro domani mattina alle 11 in piazza al banchetto del Pd. Poi parteciperà al convegno in Sala del Tricolore

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Il ministro per le Riforme istituzionali Maria Elena Boschi sarà a Reggio domani, sabato 21 in occasione della giornata di mobilitazione per la raccolta delle firme per la richiesta di referendum sulla riforma costituzionale. Con il ministro, alle 11 al banchetto del Partito Democratico allestito in piazza Prampolini, sarà presente anche il segretario regionale Paolo Calvano e il segretario provinciale Andrea Costa.

Sabato sarà il primo giorno di mobilitazione nazionale in vista del referendum sulla riforma costituzionale. Sarà l’occasione per la raccolta di firme per la richiesta di referendum sulla riforma costituzionale, dopo l’annuncio del deposito del quesito sulla Gazzetta Ufficiale, ma anche un primo momento organizzato in tutta Italia del Pd di incontro e discussione con i cittadini. Sempre nella mattinata di domani altri banchetti per la raccolta delle firme, oltre a quello di piazza Prampolini, saranno presenti nelle piazze di Baiso, Correggio, Prato, Cadelbosco Sopra, Quattro Castella, Rubiera, Campagnola, Sant’Ilario e Scandiano. Durante la giornata, i rappresentanti eletti e gli amministratori democratici, saranno presenti insieme ai tanti militanti che già in queste ore si sono resi disponibili a sostenere la campagna referendaria.

Il convegno di sabato mattina in Sala del Tricolore
L’anniversario del voto alle donne compie 70 anni, e il Comune di Reggio Emilia — di concerto con la Fondazione nazionale Nilde Iotti, la Regione Emilia-Romagna, Anpi e Istoreco — si attiva per le celebrazioni portando in città varie iniziative dedicate alle madri costituenti e a tematiche di attualità politica.

Il 21 maggio ha luogo, nella Sala del Tricolore, un convegno di respiro nazionale che vedrà la presenza, tra gli altri, della ministra Maria Elena Boschi. Grazie al progetto regionale ‘Madri della Res Publica’, il 21 maggio saranno esposte, sulla facciata del Municipio di Reggio Emilia, le gigantografie delle prime donne reggiane protagoniste della ricostruzione morale e sociale dopo il ventennio fascista: Nilde Iotti e Lina Cecchini.

Il convegno, che si svolge il 21 maggio nella Sala del Tricolore, vuole sottolineare il valore storico, sociale e democratico delle donne nella vita pubblica. Dalle ore 9.30 sono previsti gli interventi del Sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, dell’assessora a Pari opportunità Natalia Maramotti, del Presidente dell’Istituto Cervi Albertina Soliani e di Fiorella Ferrarini dell’Anpi Reggio Emillia. Interverranno poi, con la conduzione di Sara Di Antonio, la deputata de Pd Antonella Incerti, che parlerà della ‘Legge quadro nazionale sulla parità’, Francesca Russo che approfondirà la figura di Nilde Iotti, Donata Gottardi su ‘Lavoro e maternità’, la senatrice Livia Turco con ‘Una nuova cultura della convivenza’, ed Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, con un intervento dal titolo ‘Donne e politica’. Conclude il ministro per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi.

Negli intermezzi l’attrice Monica Morini, accompagnata al pianoforte da Claudia Catellani del Teatro dell’Orsa, si esibirà in una performance dal titolo ‘Voto alle donne. Da Nilde Iotti a Aung San Suu Kyi’, e saranno proiettate delle video-interviste a tema ‘Il diritto al voto e al lavoro’ di Alessandro Scillitani .

Più informazioni su