Quantcast

Piazza Prampolini ora è a misura di disabile

I lavori, concentrati sui nastri carrabili che presentavano criticità e realizzati per un importo di 64.000 euro, erano stati avviati a fine novembre e sono terminati il 30 aprile

REGGIO EMILIA – Indicati come priorità dal tavolo di lavoro sulle Barriere architettoniche nell’ambito del progetto di mandato “Reggio Emilia città senza barriere”, sono terminati lo scorso 30 aprile i lavori di ripristino della pavimentazione di piazza Prampolini. I lavori, concentrati sui nastri carrabili che presentavano criticità e realizzati per un importo di 64.000 euro, erano stati avviati a fine novembre 2015 e, grazie a una ‘regia’ che ha articolato con attenzione l’avanzamento delle opere, non hanno mai interrotto le numerose e frequenti attività pubbliche presenti sulla piazza, la principale della città.

Non più disconnessioni tra i masselli, cedimenti del massetto sotto al rivestimento di superficie, pecche, lacune improvvise della malta che congiunge le lastre. Non più barriere impreviste: ora la piazza è agevolmente percorribile. E non più materiali differenti che emergevano qua e là, usati per interventi puntuali realizzati per tamponare emergenze: ora basta il solo colpo d’occhio per intuire il ritorno a una compiuta omogeneità estetica.

L’intervento, autorizzato dalla Sovrintendenza alle Belle arti e al Paesaggio, è consistito in prevalenza nel riconferimento dell’uniformità originale al manto pavimentato, impiegando i materiali preesistenti e, là dove non era possibile (malta cementizia e stucchi nelle ‘fughe’ tra i masselli di granito e basalto), utilizzando materiali nuovi ma della stessa tipologia preesistente. Alla riqualificazione di piazza Prampolini seguirà nel 2016 l’avvio di altri quattro progetti  individuati dai Tavoli di lavoro di Reggio Emilia Città senza barriere.

Queste diverse azioni sono state presentate stamani in una conferenza stampa dal sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi e da Annalisa Rabitti presidente di Farmacie comunali riunite (Fcr) che coordina Reggio Emilia Città senza barriere, dall’architetto Francesca Rovani del servizio Ingegneria del Comune e da Leris Fantini del Centro regionale di informazione sul benessere ambientale (Criba) di Reggio Emilia e coordinatore del Tavolo Barriere architettoniche. Con loro, tre volontari – Loredana Scandellari, Angelo Buttini e Andrea Roncaglia – che partecipano ai Tavoli di lavoro.

“Poter accedere a una piazza significa poter partecipare alla vita di un luogo nato apposta per incontrarsi. Rendere accessibile a tutti questo luogo è dunque un passo importante nella direzione della partecipazione. Credo che la rimozione di ostacoli architettonici in piazza Prampolini – nell’ambito del percorso che abbiamo intrapreso con l’obiettivo di dialogare e superare le barriere, fisiche e culturali – abbia prima di tutto questo significato”, ha detto il sindaco Luca Vecchi.

“Piazza Prampolini – ha aggiunto il sindaco – non è un ‘discorso a sé’, ma si inserisce nel più ampio Piano strategico del Centro storico che pone un’attenzione forte alle piazze, alla loro qualità e alla loro accessibilità per tutti. E’ evidente quindi il filo rosso che unisce le diverse azioni dell’Amministrazione: in questo caso i progetti di Reggio Emilia Città senza barriere e quelli del Piano per il Centro storico”.

Il sindaco ha ricordato in proposito che sarà riconsegnata prossimamente piazza della Vittoria, riqualificata con una nuova pavimentazione e nuovi arredi, in coerenza con l’attigua piazza Martiri del 7 Luglio; seguiranno il riordino e la risistemazione di piazza San Prospero e, successivamente, di piazzale Roversi si vuole trasformare in una piazza a tutti gli effetti: “Questi diversi interventi – ha concluso Vecchi – sono accomunati da qualità urbana, funzionalità e fruibilità dei luoghi”.

La presidente Annalisa Rabitti ha spiegato che “rendere Reggio Emilia una città maggiormente accessibile sarà un percorso lungo e non semplice, ma lo spirito di collaborazione e di dialogo che si è instaurato, superando anche barriere che magari erano presenti tra organizzazioni e gruppi diversi, saprà dare risposte alla comunità, come avvenuto sinora. Altri interventi sono in fase di realizzazione, altri ancora sono in previsione: continuiamo a portare avanti una bella opera collettiva”.

Altri progetti in partenza
Nel corso del 2016, Reggio Emilia Città senza barriere prevede la progettazione o realizzazione di una trentina di azioni. Quattro quelle il cui avviamento è previsto dal prossimo giugno a fine anno: la Formazione per autisti del trasporto pubblico; la Skarrozzata; il Terapista occupazionale; l’esperienza di inclusione socio-lavorativa Commessi in Fcr.

Il progetto di Formazione per autisti è realizzato in collaborazione con Criba e Uici ed è rivolto in via sperimentale a personale di Til. Partendo dalla considerazione che le persone con disabilità possono incontrare nel servizio di trasporto pubblico problematiche generate da disattenzione, il Tavolo di lavoro sulla mobilità di Reggio Emilia Città senza barriere ha costruito un progetto pilota di formazione, per intervenire sul contesto relazionale. La prospettiva è di estendere il progetto agli autisti di Seta entro il 2016.

Il 18 giugno, in centro storico, con partenza e arrivo in piazza Prampolini, Reggio Emilia ospita la Skarrozzata, un movimento culturale nato a Bologna nel 2011,  che organizza una passeggiata nei centri storici delle città con sedie a rotelle messe a disposizione  di chi vuole provare cosa significa muoversi con la sedia a rotelle. E’ un progetto di educazione alla diversità e sensibilizzazione attraverso l’integrazione sociale, affinché si prenda consapevolezza delle innumerevoli barriere mentali e architettoniche presenti sul percorso per chi è costretto a una mobilità limitata. Per altre informazioni: www.skarrozzata.com.

Fra i progetti che maggiormente si collocano e interagiscono con i percorsi riabilitativi di persone in condizione di disabilità grave, vi è la sperimentazione della figura del Terapista occupazionale nei Centri diurni per disabili. L’esperienza, oltre a valorizzare una figura professionale innovativa nella quale ha creduto l’Università degli studi di Modena e Reggio Emili (http://www.terapiaoccupazionale.unimore.it/site/home.html), vuole contribuire all’acquisizione di autonomie e consapevolezza nella gestione dei gesti quotidiani. A oggi la sperimentazione – che vede il partenariato di Fcr, della stessa Unimore e di Comune di Reggio Emilia, Ausl, cooperativi sociali l’Ovile, Anemos e Coress – si concentra su tre strutture e riguarda circa 100 persone disabili.

Da settembre a dicembre 2016, nei negozi di Fcr, è in programma Commessi in Fcr, un’esperienza innovativa di formazione e inclusione sociale per cinque persone disabili. L’obiettivo è fornire un’opportunità di formazione sul campo, con affiancamento alla vendita, sviluppando competenze relazionali e autonomie nell’interazione con un ambiente organizzato, come quello del lavoro. La tipologia di attività e le modalità formative consentiranno, all’interno di una esperienza dal forte carattere operativo, di sperimentare sul territorio un modello di relazione fra disabilità e lavoro in grado di valorizzare al massimo competenze e potenzialità dei singoli partecipanti in un ambiente di grande visibilità.