Quantcast

Pagliani a Bini: “Non sapevo che in quell’ufficio c’era Sarcone”

Il capogruppo di Fi replica a Bini che aveva chiesto un passo indietro a lui e a Scarpino (PD): "Nessuna delle persone con precedenti penali presente alla cena era da me conosciuta"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “A seguito delle dichiarazioni di Bini all’incontro svoltosi a Bagnolo in Piano, che fu tra i primi ad esprimermi, dopo l’ordinanza del Riesame, solidarietà per il vergognoso caso di ingiustizia subita, ci tengo a chiarire che nessuna delle persone con precedenti penali presente alla cena era da me conosciuta”.

Giuseppe Pagliani, il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale recentemente assolto dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, replica alle dichiarazioni del sindaco di Castelnovo Monti che nell’articolo pubblicato sul nostro giornale chiedeva, di fatto, un passo indietro al consiglieri comunali Scarpino (PD) e Pagliani (FI).

Continua Pagliani: “Emerge da tutte le testimonianze che venni a sapere solo in seguito della presenza di un personaggio già sotto processo per reati associativi, ma senza aver al tempo subito nessuna condanna. Quanto all’incontro precedente del 2 marzo le stesse indagini attestano precisamente la mia completa inconsapevolezza della presenza di Sarcone, essendo io giunto sul luogo invitato a prendere un caffè da un nostro simpatizzante politico che nulla aveva specificato riguardo al luogo dell’incontro”.

Conclude Pagliani: “Bini ha riconosciuto a me personalmente ad al collega Erbanni in consiglio provinciale che lui stesso non avrebbe retto ad uno sciacallaggio atroce quale quello di  cui sono stato vittima io, affermando: “Io non sarei mai riuscito a reggere”. E facendomi espressamente i complimenti. La mia risposta è stata: “Caro Enrico, la totale innocenza ti fornisce una carica interiore che è inspiegabilmente grande”.

Più informazioni su