Mercoledì rosa, la Prampolini contro la Maramotti

La presidente di Confcommercio accusa: "I Mercoledì rosa ci vanno bene, ma non si possono diffondere i dati di un sondaggio senza avvisarci prima e senza farcelo vedere"

REGGIO EMILIA – “Non si può convocare una conferenza stampa, chiamare le associazioni di categoria e diffondere i dati di un sondaggio senza avvisarci prima e senza farcelo vedere”.

Donatella Prampolini, presidente di Confcommercio si riferisce ai dati diffusi nella conferenza stampa di ieri, di presentazione dei Mercoledì rosa, nel corso della quale l’assessore Natalia Maramotti ha diffuso i dati di un sondaggio realizzato su Reggionline da Kaiti expansion, società organizzatrice dei mercoledì rosa e socia di Quotidianionline, la società che edita il quotidiano on line.

Nel corso della conferenza stampa la Maramotti ha invitato i commercianti a tenere aperti i loro negozi durante le serate della manifestazione e ha aggiunto che secondo il sondaggio, tuttora in corso, su un centinaio di reggiani e sul loro rapporto con il centro storico, l’85% ha partecipato ai Mercoledì Rosa, il 68% ha espresso un giudizio positivo e, alla domanda “pensi che sia importante l’apertura dei negozi?”, l’87,2% dei reggiani avrebbe risposto di sì, anche se solo il 48% avrebbe detto di aver fatto acquisti.

Un dato che, tuttavia, non spega come mai, secondo i commercianti, i negozi sono vuoti. I Mercoledì rosa sono partecipatissimi. Se un reggiano su due di quelli che vi partecipano facesse acquisti, i commercianti non potrebbero certo lamentarsi.

Conclude la Prampolini: “I Mercoledì rosa noi li vogliamo e li appoggiamo, poi c’è da dire che sicuramente non c’è un ritorno immediato per i negozianti. Chi non ha un pubblico esercizio non fa grandi incassi, però ha l’opportunità di far vedere il proprio negozio”.

Donatella Prampolini

Donatella Prampolini