Quantcast

Scuole medie Fontanesi, lezione su malattie rare con Ring14

Circa 150 alunni delle classi terze delle sezioni A, B, C, D, F oltre alla II F, guidati dalle insegnanti Maria Grazia Cardillo, Simona Cicatiello, Gabriella Arecco, Daniela Saturno, Linda Balestrieri e Giorgia Tarchetti

REGGIO EMILIA – I ragazzi a lezione di inclusione sociale. Mercoledì mattina, alla scuola secondaria di primo grado “A. Fontanesi” in via Kennedy a Reggio Emilia, sei classi hanno seguito con attenzione l’intervento di Stefania Azzali, presidente dell’associazione non profit Ring14 international dedicato alle malattie rare e al tema della disabilità. Circa 150 alunni (le classi terze delle sezioni A, B, C, D, F oltre alla II F), guidati dalle insegnanti Maria Grazia Cardillo, Simona Cicatiello, Gabriella Arecco, Daniela Saturno, Linda Balestrieri e Giorgia Tarchetti, hanno seguito con grande attenzione le parole della Azzali e hanno fatto numerose domande per comprendere meglio la gravità delle malattie rare, le sindromi del cromosoma 14 e disturbi come l’autismo e l’epilessia.

Anche a scuola, infatti, i ragazzi si confrontano ogni giorno con quello che è la disabilità e discuterne insieme diventa un’occasione per capire che la vicinanza e la comprensione di chi ogni giorno lotta con la malattia è un modo per imparare a condividere e ad affrontare la vita di tutti giorni.

Stefania Azzali ha parlato della carenza di informazioni sulle malattie rare, dell’autismo e delle difficoltà relazionali che questo disturbo porta con sé facendo anche esempi concreti. È stato poi spiegato cosa significa essere epilettici, come si manifesta la malattia e come è possibile intervenire in caso di crisi. Tutto accompagnato da audiovisivi per spiegare che, spesso, sono i pregiudizi ad aumentare le sofferenze dei malati.

“Quando mi è stato chiesto di tenere una lezione davanti a ragazzi di 13-14 anni – ha spiegato Stefania Azzali – mi sono chiesta se davvero potessero riflettere su tematiche così complesse come quelle legate alle malattie rare. Mi sono dovuta ricredere, perché ho trovato molta attenzione e capacità di approfondimento dell’argomento. Non solo ho avuto modo di spiegare cosa sono le malattie rare, ma tutti hanno seguito con interesse quella che è stata la mia esperienza personale con mio figlio Matteo e quanto sia importante la ricerca scientifica su queste malattie. Le domande sono state numerose e non scontate, prova che nella scuola reggiana l’attenzione alla disabilità è alta. Ringrazio gli insegnanti e la preside dell’istituto Paola Campo che stanno investendo energie per avvicinare gli studenti ad argomenti non certo facili da affrontare”.

Le insegnanti

Le insegnanti

L’associazione Ring14 onlus è disponibile a parlare con i ragazzi delle scuole reggiane, anche superiori, del problema della disabilità, dell’inclusione sociale, della ricerca genetica e scientifica. Per informazioni è possibile contattare la segreteria di Ring14 al numero 0522 421037.