S. Ilario, droga in cantina: arrestato un 35enne

Carmine Sorrentino aveva lì il laboratorio dello spaccio: sequestrati 35 grammi di hascisc

S. ILARIO (Reggio Emilia) – I carabinieri di S. Ilario hanno arrestato venerdì sera un 35enne residente in paese, Carmine Sorrentino, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di droga. Nella cantina della sua abitazione hanno trovato una trentina di grammi di hascisc e il classico armamentario per lo spaccio, tra cui un bilancino di precisione con ancora tracce di hascisc frutto di pregresse pesature.

Ieri mattina comparso davanti al tribunale di Reggio Emilia è stato condannato a 6 mesi di reclusione con la sospensione della pena, visto che è incensurato. Tutto è nato da alcune segnalazioni di cittadini che hanno visto un andirivieni sospetto nell’abitazione dell’uomo e hanno segnalato la cosa ai carabinieri.

In effetti anche i militari hanno notato un sospetto viavai che vedeva, giovani noti ai militari quali assuntori, andare nella cantina del 35enne. Da qui il blitz di venerdì sera nella cantina del 35enne dove i militari hanno trovato un tagliere bianco e un coltello da cucina, entrambi con tracce di hascisc, un cucchiaio di acciaio utilizzato per sciogliere l’hascisc, mentre in un cofanetto posto sul letto c’erano circa una decina di grammi di hascisc suddivisi in dosi.

Sotto ad un letto i militari hanno trovato un contenitore in plastica con 4 pezzi di hashish dal peso complessivo di 20 grammi mentre nascosto tra i panni sporchi c’era un bilancino di precisione con sopra residui di hashish. Alla luce di quanto accertato l’uomo veniva dichiarato in stato d’arresto per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti dai carabinieri della Stazione di Sant’Ilario d’Enza per essere poi ristretto a disposizione della Procura reggiana titolare dell’inchiesta. Ieri mattina davanti al tribunale di Reggio Emilia la condana a 6 mesi con la sospensione della pena.