Pizzaiolo di Quattro Castella vince campionato del mondo

Ben Hamdi, 23 anni, di origini tunisine, vince nella categoria "Pizza più larga" ed è sul podio nella gara di velocità

QUATTRO CASTELLA (Reggio Emilia) – Un pizzaiolo di Quattro Castella in trionfo ai Campionati Mondiali di Pizza che si sono tenuti dall’11 al 13 aprile alle Fiere di Parma. Ben Romdhane Hamdi, 23 anni, origini tunisine, ma in Italia da quando era bambino, ha infatti sbaragliato un’agguerrita concorrenza (più di 600 pizzaioli da tutto il mondo) conquistando il gradino più alto del podio nella categoria “Pizza più larga”.

In meno di cinque minuti, Ben Romdhane Hamdi ha saputo “stendere” 104 cm di pizza, senza mai farla toccare a terra e, rigorosamente, senza buchi.  Al secondo posto si è piazzato lo spagnolo Antonio Martos Albol, mentre il primo degli italiani in gara, Luigi Gallo, si è piazzato al terzo posto. Ma il pizzaiolo della “Arcobaleno”, storica pizzeria di Armando Lobascio situata in via Roma nel cuore di Quattro Castella, si è messo in luce anche nella categoria “Pizza più veloce” riuscendo a “stendere” cinque pagnotte da 200 grammi ciascuna in 1 minuto e 24 secondi, a soli dodici secondi di distanza dal primo classificato, l’italiano Giovanni Vecchiesso. In entrambe le occasioni Ben Romdhane Hamdi si è presentato sul podio indossando la bandiera della Tunisia. Prevedibile la soddisfazione e l’orgoglio di Ben e di tutto lo staff della pizzeria castellese in cui Ben ha cominciato a fare il pizzaiolo nel 2010.

“Avevo già partecipato negli anni scorsi – dichiara il neo campione del mondo – ottenendo buoni risultati, ma non ero mai riuscito a vincere. Devo molto ad Armando che mi ha dato la possibilità di imparare a fare questo lavoro che mi dà tante soddisfazioni”. Ovvia, per un pizzaiolo di Quattro Castella, una domanda su Matilde. “Tra poco ci sarà il Corteo storico. In quell’occasione proporrò una nuova creazione, la “Pizza Regina Matilde”. Gli ingredienti saranno rigorosamente di qualità: prosciutto crudo, scaglie di parmigiano reggiano, mozzarella di bufala, rucola, pomodorini freschi e radicchio”.

Il Campionato Mondiale della Pizza è la più importante, la più longeva e la più internazionale competizione mondiale dei pizzaioli. Dal 1992, anno della prima edizione, ad oggi 12.000 pizzaioli si sono incontrati e sfidati e più di 25 mila pizze sono state sfornate. Una generazione di pizzaioli è cresciuta a colpi di acqua, farina, pomodoro e mozzarella, testimone dell’evoluzione di uno dei più importanti piatti italiani apprezzati in tutto il mondo. Il Campionato Mondiale della Pizza ha attraversato 25 anni della nostra recente storia, interpretando cambiamenti radicali e piccole rivoluzioni che hanno cambiato il nostro stile di vita, compresa la pizza e i pizzaioli. Il Campionato Mondiale della Pizza 2016 ha coinvolto quasi 35 nazioni con più di 600 concorrenti e quasi 7mila visitatori.