Correggio, litigio in piazza: accoltellato alla gola

Un 22enne pakistano è stato ferito da un 27enne tunisino dopo una lite scoppiata per futili motivi: quest'ultimo è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Un 22enne pakistano è stato ferito alla gola con una coltellata da un 27enne tunisino, ieri sera alle 19 a Correggio, durante una rissa avvenuta vicino al capolinea degli autobus di piazzale 2 Agosto, vicino all’Eurospin. Il giovane è stato ricoverato all’ospedale Santa Maria Nuova.

I due erano entrambi all’interno della stazione delle corriere e si stavano prendendo in giro reciprocamente in maniera scherzosa. Tuttavia un epiteto rivolto dal ragazzo pakistano all’amico marocchino è stato mal interpretato da un altro cittadino tunisino, estraneo alla comitiva di amici, che era seduto su una panchina con la fidanzata poco lontano.

Quest’ultimo ha estratto un coltello, con una lama di 10 centimetri e si è avvicinato minacciosamente verso il giovane pakistano. Il fratello di questi, intervenuto in sua difesa, si è beccato un fendente al collo con l’aggressore che è fuggito. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Correggio che, dopo aver assicurato i soccorsi al ferito, hanno iniziato a cercare il fuggitivo.

Una fuga terminata all’ospedale di Reggio Emilia dove l’aggressore era andato a farsi medicare per ferite da taglio alla mano e dove raggiunto dai militari correggesi, dopo essere stato dimesso, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e ristretto a disposizione della procura reggiana.

Si tratta di un 27enne tunisino, Mohamed Sabri Mtiri, residente in provincia di Modena, ora condotto in carcere. Durante le indagini i carabinieri correggesi hanno anche rinvenuto e sequestrato il coltello.

Il coltello insanguinato utilizzato per l'aggressione

Il coltello insanguinato utilizzato per l’aggressione

Il ferito, un cittadino pakistano 22enne abitante a Campagnola Emilia, è ora ricoverato all’ospedale di Reggio Emilia per una ferita da taglio all’orecchio destro e alla regione cervicale postero laterale, le sue condizioni sono serie ma non versa in pericolo di vita.

Ferite da taglio alla mano per il tunisino che se la “caverà” con 20 giorni di prognosi.