Quantcast

“Concerti al Mirabello, chi li organizza paghi la tariffa dovuta”

La Fondazione dello Sport a Medials Live/City Medial Two: "Servono anche le necessarie fideiussioni". Meglioli: "Gli spettacoli non sono in forse". Presentato il bilancio in attivo di 400mila euro

REGGIO EMILIA – “Concerti, sarà l’ultimo anno, ma a una condizione: che chi li organizza paghi la tariffa dovuta, dando anche le necessarie fideiussioni”. Lo precisa la fondazione per lo sport del Comune di Reggio Emilia, nata nel 2009 per la gestione degli impianti sportivi cittadini che ha chiuso il bilancio consuntivo 2015 con un avanzo di 401.000 euro e ha annunciato che “le risorse saranno destinate a manutenzioni e progetti sociali”.

A quanto si apprende, dunque, continua l’incertezza sull’allestimento dei concerti di Max Pezzali e dei Negramaro, organizzati al Mirabello dalla reggiana Medials Live/City Medial Two che ha già annunciato le date per il 3 e il 15 luglio. La Fondazione, a suo tempo, aveva già messo dei paletti all’organizzazione dei due eventi sostenendo che “nessuna richiesta formale” era ancora arrivati dagli organizzatori. Adesso si parla anche di “tariffa dovuta” e di “necessarie fideiussioni”. Per tutta risposta il manager della City Medial Two, Roberto Meglioli, ha inviato un comunicato ai giornali in cui ha scritto: “Comunico che tutti gli spettacoli da noi annunciati e programmati non sono in forse per nessuna ragione”.

Tornando alla Fondazione, il Consiglio di gestione della fondazione ha inoltre preso alcune decisioni relative alle concessioni delle strutture sportive. In particolare la piscina comunale di via Melato andra’ a gara nel 2018, il Palabigi in corso d’anno, il vecchio stadio Mirabello subito.

In quest’ultimo impianto, da settembre, niente piu’ accademia calcio della Reggiana, finche’ non ci sara’ il campo sintetico e lo stadio sara’ utilizzato solo per le partite del fine settimana e dei tornei storici della citta”. La decisione di stendere un campo sintentico al Mirabello, precisa infine la fondazione “e’ da prendere con l”amministrazione comunale, essendo impensabile, a fronte di tante necessita’ manutentive minori, investire l’avanzo nel Mirabello”.