Bibbiano, uccide il fratello a sprangate mentre dorme

Major Singh, 38 anni, ha colpito nel sonno Lakhvir Singh, 42 anni, poi ha cercato di togliersi la vita bevendo dell'acido

Più informazioni su

BIBBIANO (Reggio Emilia) – Un indiano di 38 anni, Major Singh ha ucciso nel sonno il fratello 42enne, Lakhvir Singh, stanotte, in una casa di via Madonna di Gavasseto 1 alle porte di Bibbiano. Dopo l’omicidio l’assassino ha provato a togliersi la vita ingerendo un acido utilizzato per pulire la mungitrice.

L’omicida, che non versa in pericolo di vita, si trova ora piantonato in stato di fermo dai carabinieri all’ospedale. Secondo i primi accertamenti, condotti dai carabinieri di Bibbiano, la vittima sarebbe stata ammazzata nella sua camera da letto nel sonno dal fratello che l’ha colpito alla testa ripetutamente con un tubo d’acciaio. Il movente dell’omicidio potrebbe essere, secondo una prima ricostruzione, di motivo economico.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri in forza al nucleo investigativo del comando provinciale di Reggio Emilia. Le indagini sono coordinati dal sostituto procuratore Giulia Stignani.

L’omicidio è avvenuto in una casa di proprietà dell’azienda agricola Scalabrini in cui lavora l’omicida e in cui, in passato, aveva lavorato anche la vittima. Poi il 42enne ucciso era andato in Inghilterra. Insieme al fratello era rimasto il padre. La vittima si era rifatta viva nei giorni scorsi tornando dalla Gran Bretagna, probabilmente con l’intento di portare là il padre.

La situazione sembrava tranquilla. Ieri i due fratelli hanno pranzato e cenato assieme. A detta di chi li conosce, non c’erano screzi, apparentemente, fra di loro. Poi la follia omicida di questa notte.

La vittima, Lakhvir Singh

La vittima, Lakhvir Singh

Sarà probabilmente l’interrogatorio dell’omicida, che è ricoverato in condizioni non gravi all’ospedale, a fare piena luce sul movente.

Più informazioni su