Quantcast

Uccise la compagna, Ivan Forte condannato a 20 anni

La Cassazione conferma la condanna di appello per Ivan Forte: respinto il ricorso della difesa

Più informazioni su

RUBIERA (Reggio Emilia) – Ivan Forte, il giovane che uccise la sua compagna Tiziana Olivieri strangolandola dopo un litigio, è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 20 anni di carcere. La Corte suprema ha così confermato le condanne di primo e secondo grado.

E’ stato rigettato il ricorso della difesa, rappresentata dall’avvocato Francesco Pagliuso, che aveva chiesto l’annullamento della condanna o la sua riforma, ma soprattutto la perizia psichiatrica per l’imputato.

Tiziana Olivieri venne trovata morta nella sua camera da letto il 20 aprile del 2012, nell’appartamento di Fontana di Rubiera, dove viveva con il figlioletto di pochi mesi e il compagno Ivan Forte. Il giovane disse che la candela rimasta accesa aveva causato un incendio. Alla fine però emerse che Forte l’aveva strangolata al culmine di un litigio.

Più informazioni su