Tragedia in Spagna, migliorano le condizioni di Laura foto

Migliorano le condizioni della studentessa universitaria rimasta gravemente ferita nello schianto dell' autobus in Spagna

CORREGGIO (Reggio Emilia) –  Una Pasqua di speranza per i parenti di Laura Ferrari, la studentessa rimasta ferita nel tragico incidente in Spagna. Le sue condizioni stanno lentamente migliorando, come hanno confermato quando i medici dell’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau di Barcellona. Dopo due giorni di angoscia, finalmente la situazione si è stabilizzata: è riuscito il secondo, lungo intervento di ricostruzione chirurigica di un importante vaso sanguigno.

L’universitaria 23enne modenese, nata a Correggio (dove tra l’altro vive la nonna), lotta ora è in ripresa. I suoi genitori e il fratello sono a Barcellona al suo fianco; nei prossimi giorni dovrebbe raggiungerli il professor Luigi Foffani, direttore della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Modena e Reggio.

 

Era già stata sottoposta ad un primo lungo intervento nella notte tra domenica e lunedì, poche ore dopo lo schianto dell’autobus sul quale viaggiava con compagni di università e di Erasmus, 13 dei quali sono morti. Una compagna era riuscita ad estrarla dalle lamiere, e l’aveva tenuta stretta sino all’arrivo dei soccorritori. Le sue ferite non erano state considerate letali: oltre ad una frattura cranica e alla perdita dell’orecchio sinistro, aveva subito un danno ad un’arteria del collo. E’ è proprio questo vaso che, quando si pensava che Laura fosse fuori pericolo, aveva di nuovo mostrato segni di “cedimento”. Ma il secondo intervento ha risolto il problema.