Studenti stranieri in aumento: 18% nelle elementari foto

Presentato l'annuario della scuola reggiana. Nella fascia 0-6 anni nuovo generale calo di iscritti. Il presidente della Provincia Manghi: "Ripensare rette e offerta"

REGGIO EMILIA – Ancora in crescita, seppur in maniera contenuta, la scuola reggiana, che al suono della prima campanella, lo scorso settembre, ha registrato in provincia 83.740 studenti, 253 in più rispetto all’anno scolastico 2014-15. Nelle scuole statali, l’aumento è stato dello 0,2% nella scuola primaria (le elementari), dell’1,9% nella secondaria di I grado (le medie) e dell’1,1% nella secondaria di II grado (le superiori). Nel segmento 0-6 anni si registra invece per il terzo anno consecutivo un calo di iscritti, che passano da 4.459 a 4.350 nei servizi per la prima infanzia e da 14.800 a 14.563 nella scuola dell’infanzia. In crescita gli stranieri: 18,01% nelle elementari, 16,65% alle medie, 13,38% alle superiori. Degli stranieri iscritti, il 58,6% non ha la cittadinanza italiana: la percentuale più elevata di tutte le provincie dell’Emilia Romagna, tra le più alte d’Italia.

Questi i principali dati dell’ultimo numero dell’Annuario della Scuola reggiana, l’importante pubblicazione curata dal professor Luciano Bonacini e da Silvia Ballabeni per la Provincia e l’Ufficio scolastico regionale (ex Provveditorato agli studi) che contiene tutti i dati e le statistiche delle scuole reggiane di ogni ordine e grado.  L’Annuario è stato presentato  a Palazzo Allende dal presidente e dalla vice presidente con delega all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi e Ilenia Malavasi, e dal dirigente dell’Usr Ponticiello, ai dirigenti Valerio Bussei e Anna Campeol e a Luciano Rondanini, già dirigente tecnico Miur.

L’analisi “conferma una contenuta crescita sostanziale, ma un lieve calo nella pre-scuola – ha sottolineato il presidente Manghi – che, in particolare nella fascia 0-3 anni, interessa tutti i comuni, a dimostrazione di come con la crisi diverse famiglie si trovino in difficoltà nel sostenere le rette e, dunque, sia forse necessario aggiornare, con maggiore flessibilità, il sistema di offerte”.

“I dati più significativi sono senza dubbio l’alta percentuale di studenti stranieri, il 16,5%, e di studenti diversamente abili, il 3,1% – ha concluso Manghi – Si tratta di numeri di assoluta rilevanza che confermano come Reggio sia una comunità vera, in grado di farsi carico dei più deboli, e che offrono lo spunto anche per considerazioni di natura politico-istituzionale, perché in questa sfida di civiltà stati importanti ed evoluti d’Europa non sono arrivati ai nostri livelli, basti pensare che in Svezia esistono ancora la scuole speciali”.

Oltretutto “si allunga la permanenza scolastica dei ragazzi diversamente abili, che in numero sempre maggiore arrivano fino alle superiori, in maggioranza negli istituti professionali, anche se crescono le iscrizioni a licei e tecnici”, ha aggiunto la vicepresidente Ilenia Malavasi sottolineando anche “la continua ascesa del tempo-pieno, salito dal 33,9 al 35,9% e un lieve allargamento della forbice tra iscritti ai licei e agli altri istituti, anche se il numero di studenti di tecnici e professionali resta ancora ampiamente superiore ai dati nazionali, grazie anche alla stretta collaborazione tra scuola e impresa”.

Il provveditore ha definito l’annuario “un ottimo strumento in grado di guidarci in tutte le nostre scelte di programmazione”. In quanto alle alte percentuali di studenti stranieri e diversamente abili, il dirigente le ha giudicate “anche un punto di forza, in grado di stimolare l’innovazione della didattica” confermando la “piena sinergia tra enti locali e Ufficio scolastico nel trova la migliore soluzione possibile per ogni singolo caso”. Un compito, ha aggiunto Rondanini, facilitato da un “rapporto tra ragazzi e insegnanti di sostegno che, anche se non è più di 1 a 1 come in passato quando gli studenti disabili erano notevolmente meno, resta comunque piuttosto positivo, di 1 a 2 , grazie anche al Ministero che ha sempre garantito una discreta dotazione dell’organico, calato invece di 80.000 unità  per quanto riguarda i posti comuni”.

I numeri principali della scuola reggiana: Per quanto riguarda la scuola secondaria di II grado, dopo le profonde trasformazioni avvenute con l’entrata in vigore dei regolamenti di riordino delle scuole superiori, nel 2015-16 gli iscritti nell’area liceale rappresentano il 37,1% (+2,1%), mentre l’area tecnica, che si attesta al 32,6% (-1,8%), e quella professionale (30,3%, -0,3%), subiscono un lieve calo rispetto all’anno scolastico precedente.

Gli alunni stranieri sul totale della popolazione scolastica provinciale sono il 16,5%: sostanzialmente stabile nell’ultimo quinquennio; oltre la metà sono nati in Italia. Anche la presenza di alunni disabili nelle scuole statali reggiane si conferma rilevante (il 3,1% sul totale degli alunni) ed in crescita alle superiori, a riprova della tendenza al prolungamento degli studi.

Nelle scuole secondarie di I grado, la percentuale di alunni respinti, dopo l’impennata nell’anno scolastico 2008/09 dovuta alla reintroduzione dei voti numerici in cui era salita al 5%, è diminuita costantemente arrivando al 2,6%. Nelle scuole superiori, al contrario, i risultati complessivi sono peggiorati rispetto all’anno scolastico precedente. La percentuale di alunni respinti è stata infatti del 12,5% (+0,6% rispetto allo scorso anno): in dettaglio, nel primo biennio, che rappresenta il passaggio più difficile dell’intero percorso scolastico, la percentuale di respinti è stata del 17,6% (+1,1%), nel triennio del 7,9% (+0,3%). “L’insuccesso – ha commentato Luciano Bonacini – resta in ogni caso un ‘problema’ più maschile che femminile”.

L’Annuario è disponibile anche online sul sito della Provincia di Reggio Emilia.