Quantcast

Minaccia autista di Seta con un coltello: arrestato

Un 22enne di Torre del Greco, senza biglietto, dopo che l'autista lo ha invitato a scendere, ha tirato fuori il coltello sulla linea 4 in via Papa Giovanni. La condanna dell'azienda che è solidale con l'autista

REGGIO EMILIA – Minaccia con il coltello a serramanico un autista di Seta che gli aveva chiesto il biglietto e, visto che non lo possedeva, lo aveva invitato a scendere dal mezzo.

E’ successo ieri poco dopo le 12 quando una pattuglia dei carabinieri stazione di Santa Croce, durante un servizio di controllo del territorio, transitando in Via Papa Giovanni XXIII, è stata fermata dall’autista dell’autobus urbano della linea 4 che ha richiesto il loro intervento, sostenendo di essere stato minacciato da un ragazzo sprovvisto del biglietto.

I militari dopo aver fermato il giovane, un 22enne di Torre del Greco, Francesco Valle, domiciliato a Reggio, hanno accertato che il giovane era salito poco prima sull’autobus e poi, alla richiesta dell’autista di esibire il biglietto seguita dall’invito a scendere dato che ne era sprovvisto, aveva estrattto un coltello a serramanico lungo venti centimetri minacciando di bucare i pneumatici dell’autobus.

Il giovane è stato portato in caserma e ora si trova agli arresti domiciliari.

La condanna dell’azienda
“A nome dell’azienda esprimo la più ferma condanna per l’incivile episodio di minacce ed aggressione verbale che ha coinvolto ieri a Reggio Emilia un nostro autista in servizio sulla linea urbana n°4, e manifesto altresì la più completa solidarietà per chi – autista o verificatore, dipendente di Seta o collaboratore esterno – lavora ogni giorno sui mezzi pubblici in condizioni a volte complicate. In particolare, voglio esprimo il nostro pieno sostegno a chi, come in questo caso, non si limita a svolgere il proprio normale compito di autista di un mezzo pubblico, ma interpreta al meglio il proprio ruolo impegnandosi anche nell’importante e delicato compito della verifica dei titoli di viaggio. Questo atteggiamento partecipe e responsabile contribuisce a garantire il rispetto delle regole a bordo dei nostri mezzi, ad aumentare la sicurezza dei passeggeri ed a ristabilire il princìpio che l’autobus non è una terra di nessuno dove vige la legge del più forte, ma un luogo pubblico in cui valgono le normali regole di civile convivenza”.

Vanni Bulgarelli, Presidente di Seta, commenta così l’episodio accaduto ieri poco dopo le 12 in via Papa Giovanni XXII allorché, alla richiesta da parte del conducente del bus di mostrare il proprio biglietto o abbonamento, un giovane ha estratto un coltello a serramanico minacciando di usarlo per bucare i pneumatici del mezzo.

“Il nostro ringraziamento” conclude Bulgarelli “va inoltre ai carabinieri, prontamente intervenuti per bloccare il giovane violento, così come alle altre Forze dell’Ordine che troppo spesso sono costrette ad operare su richiesta del nostro personale, specialmente in conseguenza dell’attività di verifica: una funzione fondamentale per Seta, che sta dando ottimi risultati e dalla quale non intendiamo desistere in alcun modo”.