Quantcast

“La lotta al terrore sarà un percorso lungo”

Il sindaco di Reggio, Luca Vecchi, ha diffuso un messaggio di cordoglio per l'attacco che ha colpito il cuore dell'Europa

REGGIO EMILIA – Il sindaco di Reggio, Luca Vecchi, ha diffuso un messaggio di cordoglio per l’attacco che ha colpito il cuore dell’Europa, dove tra l’altro vivono numerosi reggiani.

“Un attentato – ha detto – che ha colpito ciascuno di noi, cioè ogni persona amante della pace, di convinzioni e cultura democratiche, pluralistiche e inclusive. Se a Parigi furono colpite la libertà di idee ed espressione (Chiarlie Hebdo) e la libertà di avere speranza, di precisi stili di vita e di relazione sociale (Bataclan), a Bruxelles oggi si è aggredita la quotidianità di chi lavora, studia, viaggia. A pochi passi da alcune delle massime istituzioni dell’Unione Europea. Sempre è stata colpita una città”.

Dopo aver espresso dolore e  cordoglio, Vecchi ha sottolineato come Reggio “città europea culla di quel Tricolore che da sempre è simbolo di quei valori che si sono voluti sfregiare negli attentati” sia vicina alle vittime e ai loro cari, ai concittadini che si trovano a Bruxelles, e “al fianco della stessa capitale belga, capitale d’Europa”.

La lotta al terrore per il ritorno alla pace, afferma il sindaco, “sarà un percorso lungo, difficile e doloroso per l’Europa e le sue città – ma possiamo ben dire, per il mondo intero – e senza una svolta europea sulla politica di sicurezza – dall’intelligence preventiva alla repressione del terrore – non si va da nessuna parte. Allo stesso tempo, dobbiamo essere consapevoli del fatto che il dialogo interculturale, l’investimento sull’educazione, il contrasto delle crescenti diseguaglianze, la rigenerazione sociale e urbana delle nostre periferie non sono solo ‘temi da sindaci’, ma parti integranti e complementari di una matura politica delle relazioni internazionali”.

Auspicando che l’Europa ritrovi “il coraggio e l’unità che l’hanno accompagnata dalle sue origini”, infine Vecchi ha detto che “la nostra risposta migliore è, insieme alla tutela della libertà e della sicurezza, mantenere la lucida visione di pace e progresso e la condivisione dei valori democratici, che hanno reso la nostra Europa un luogo di civiltà, fraternità e speranza di vita”.