Quantcast

Blitz dei carabinieri con i cani antidroga alla Filippo Re

Alcuni zaini nelle aule hanno attratto il fiuto degli animali: ma al loro interno è stato trovato solo un tritaerba

REGGIO EMILIA – Continuano i controlli, da parte dei militari del Comando provinciale di Reggio Emilia che anche questa mattina, accompagnati dai “colleghi” Magic, un labrador prossimo alla pensione, e Argo un pastore tedesco, del nucleo cinofili carabinieri di Bologna sono andati alla Filippo Re di Reggio per controlli antidroga.

Anche i controlli di oggi dei militari, insieme a quelli dei giorni scorsi, sono stati resi possibili grazie alla collaborazione con il dirigente scolastico dell’istituto reggiano e del corpo docente al fine di contrastare l’uso di droga tra gli studenti. I carabinieri hanno controllato e “fiutato” prima i dintorni del plesso scolastico per poi entrare nella scuola e vistiare le classi frequentate dagli studenti, setacciando le aule una ad una, comprese la palestra, i bagni e altre parti comuni.

Alcuni zaini hanno destato il forte “interesse” dei cani antidroga ma all’interno, questa la nota positiva, fatta eccezione per il rinvenimento di un grinder, un dispositivo che serve a macinare vegetali, generalmente marijuana, non sono state rinvenute sostanze stupefacenti. Non potendosi imputare alcunché allo studente maggiorenne che possedeva il grinder nessun provvedimento è stato adottato nei suoi confronti.

L’importanza del tema della prevenzione all’utilizzo di sostanze stupefacenti riveste nel mondo dei giovani in età scolare, il comando provinciale dei carabinieri di Reggio Emilia, in linea con l’indirizzo dato dal comandante provinciale colonnello Antonino Buda, proseguirà in queste operazioni con l’ausilio dei cani anche in altri istituti della città e della provincia.