Rintracciata la pirata della strada di Cella

E' una donna italiana di 50 anni che ieri sera, con la sua Opel, aveva travolto uno scooter condotto da un ragazzo di 23 anni. E' stata denunciata per omissione di soccorso

REGGIO EMILIA – Con l’aiuto di alcuni testimoni, è stata rintracciata dagli agenti della Polizia municipale la conducente dell’auto che ieri, intorno alle 20.30, aveva travolto uno scooter a Villa Cella, e si era poi allontanata lasciando a terra il centauro ferito. Si tratta di una donna italiana di 50 anni.

Lo scontro, rilevato dagli stessi agenti della Municipale, in sostanza era andato così:  un’auto Opel Meriva, che proveniva da via Veronesi, svolta a sinistra, in via Vico (la Via Emilia a Cella), ma durante la manovra travolge il ciclomotore condotto da un ragazzo di 23 anni, che sta percorrendo la Via Emilia in direzione del centro storico di Reggio Emilia. A quel punto, al volante dell’auto, il conducente si dà alla fuga verso via Veronesi nel tentativo di far perdere le proprie tracce.

Alcuni testimoni, tuttavia, hanno aiutato gli agenti della Municipale, giunti poi sul posto per i rilievi di legge, a ritrovare il mezzo che nell’urto aveva perso anche alcuni frammenti del marchio. Una volta rintracciata l’Opel, parcheggiata su via Veronesi, risalire alla proprietaria è stato facile: la donna ha ammesso subito le proprie colpe.

A carico della conducente è scattato il ritiro immediato della patente e una denuncia per omissione di soccorso, oltre al verbale per la mancata precedenza. Il giovane, soccorso dal 118, è ricoverato all’ospedale Santa Maria Nuova con una prognosi di 40 giorni.