Quantcast

Montecchio, studenti con la droga nelle mutande davanti al D’Arzo

Una dei due diciottenni è stato segnalato in prefettura e l'altro è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio: trovati a casa sua 25 grammi di marijuana

MONTECCHIO (Reggio Emilia) – Droga nelle mutande prima di entrare in classe e a casa, una segnalazione alla prefettura e una denuncia per detenzione ai fini di spaccio per due diciottenni dell’istituto D’Arzo di Montecchio fermati stamattina dai carabinieri davanti alla scuola grazie alle segnalazioni arrivate dal dirigente dell’istituto. Sequestrati in tutto circa 30 grammi di droga.

I due giovani avevano pensato di potersi “sballare” un po’ prima del suono della campanella, ma sono stati beccati dai carabinieri con la droga fuori dalla scuola. A distanza di alcuni giorni dal blitz in un istituto scolastico del capoluogo reggiano, che aveva portato al sequestro di droga gettata nei bagni dagli studenti, è stata di nuovo trovata droga in una scuola.

Stamattina i carabinieri della stazione di Montecchio Emilia, durante un servizio antidroga, hanno controllato un’auto in sosta in un parcheggio vicino alla scuola con due giovani studenti sorpresi subito dopo aver confezionato uno spinello. I controlli sui due studenti 18enni, hanno permesso di trovare addosso a uno dei due tre grammi di hascisc nascosti nelle mutande, mentre a casa dell’altro giovane sono stati trovati 25 grammi di marjuana con il classico armamentario dello spacciatore (bilancino di precisione, ritagli di cellophane per il confezionamento e dei coltellini con residui nella lama di hascisc a conferma di un pregresso utilizzo per tagliare lo stupefacente).

Il primo studente, ovvero quello trovato con l’hascisc nelle mutande, è stato segnalato come, mentre il suo compagno di classe oltre a ricevere la stessa segnalazione, è stato denunciato alla procura reggiana per il reato di detenzione di fini di spaccio di sostanze stupefacenti.