Lite furibonda tra tunisini vicino a piazza Prampolini: cinque agenti feriti

Due immigrati irregolari si sono presi a botte in via San Pietro Martire. Uno dei due ha riportato una ferita al collo e poi ha aggredito gli agenti arrivati sul posto

REGGIO EMILIA – Rissa in pieno centro, ieri sera, vicino a piazza Prampolini in via San Pietro Martire. Due tunisini, entrambi irregolari, di 25 e 27 anni, ubriachi e drogati, si sono picchiati. Uno dei due ha colpito l’altro al collo con qualcosa di tagliente (lui dice una chiave, ma sull’oggetto utilizzato sono in corso accertamenti, ndr) al collo provocandogli un grosso taglio.

Sul posto sono arrivate diverse volanti della polizia. Ci sono voluti cinque agenti per riuscire a fermare i due, in particolare il ferito, che ha aggredito i poliziotti con un pezzo di bicicletta, un parafango, in mano provocandogli delle ferite. Non contento il tunisino ha dato in escandescenza anche sull’ambulanza rendendo difficile i soccorsi in suo aiuto.

Una volta all’ospedale è stato soccorso, dimesso e portato in carcere in attesa del processo per direttissima che si è tenuto questa mattina. I cinque agenti hanno riportato tutti ferite, nella colluttazione, per fortuna guaribili in pochi giorni. Il tunisino ferito dovrà rispondere di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale e il suo connazionale solo di lesioni.