Iren, lunedì i lavoratori incrociano le braccia

Le lavoratrici e i lavoratori manifesteranno davanti al municipio per protestare "contro le pretese della dirigenza di gestire in modo unilaterale i processi di riorganizzazione in atto"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Lunedì prossimo i lavoratori di Iren manifesteranno davanti al municipio di Reggio Emilia per protestare “contro le pretese della dirigenza Iren di gestire in modo unilaterale i processi di riorganizzazione in atto”. Lo sciopero per l’intera giornata di lavoro, sarà di carattere nazionale. A Reggio Emilia saranno coinvolti circa 500 addetti.

Scrive la Filctem Cgil: “Dalla sua nascita, avvenuta nel 2011, si è definito un percorso di modifica dell’identità territoriale, un effetto dirompente, se si pensa allo spostamento delle responsabilità di gestione fuori dal perimetro emiliano. Il sistema delle relazioni sindacali ha subito un decadimento impressionante , spesso nei confronti tra le parti si ha la netta percezione che l’azienda pone degli out – out, come è avvenuto nel passaggio di costituzione della nuova Ireti s.p.a, senza tener conto della preoccupazioni e proposte che le organizzazioni sindacali di categoria avevano esposto”.

Continua la Cgil: “Nell’ultimo anno, oltre 30 figure professionali (a Reggio Emilia) sono uscite in prepensionamento e, nonostante la presenza di un accordo sottoscritto congiuntamente, quelle figure non sono state rimpiazzate. I fronti aperti sono ancora tanti, dalla questione del ciclo idrico fino alla prossima gara per la distribuzione del gas metano, sono problemi che coinvolgono tutti i cittadini reggiani a cui rivolgiamo l’appello di essere solidali con le lavoratrici e i lavoratori Iren”.

E conclude: “Per questi motivi lunedì saremo in piazza Prampolini dalle 9 alle 12”.

Più informazioni su