Quantcast

Reggiolo, multe per chi non raccoglie la cacca di Fido

Disposta una sanzione amministrativa dai 25 ai 150 euro per chi permette al cane di sporcare portici, marciapiedi e altri spazi pubblici, comprese le aree verdi, senza pulire subito

Più informazioni su

REGGIOLO (Reggio Emilia) – “Un cane felice ha un padrone con la paletta”, lo dice un manifesto diffuso dall’amministrazione comunale di Reggiolo che invita tutti i proprietari di cani a rispettare gli spazi pubblici mantenendoli puliti dagli escrementi dei propri animali. Un gesto di civiltà e rispetto per tutta la comunità.

Un’ordinanza del sindaco ha infatti disposto una sanzione amministrativa dai 25 ai 150 euro per chi permette a fido di sporcare portici, marciapiedi e altri spazi pubblici, comprese le aree verdi, con deiezioni senza provvedere alla immediata pulizia del suolo.

Quando i proprietari dei cani, o chi per loro, accompagnerà gli animali nelle aree pubbliche all’interno del territorio comunale, dovrà essere sempre fornito di strumenti idonei alla raccolta degli escrementi (sacchetti di carta o altre attrezzature necessarie). Sono esonarati dagli obblighi previsti dall’ordinanza i non vedenti conduttori di cani guida o persone affette da disabilità documentatata, nonché le unità cinofile delle forze di polizia e protezione civile nel corso dello svolgimento delle proprie mansioni.

“Questa ordinanza – spiega il sindaco Roberto Angeli – vuole ricordare ai padroni dei cani quanto sia importante e necessario il rispetto degli spazi pubblici. Quando si accompagnano gli animali a passeggio è fondamentale prestare attenzione e mantenere pulito dove sporcano. In tutti i parchi di Reggiolo e nei luoghi pubblici si trovano numerosi distributori di sacchetti. C’è anche un parco, nella zona di via Pironda e vicolo Zandonai, realizzato ad hoc per lo sgambamento dei cani nella zona di via Pironda e vicolo Zandonai. Un buon padrone rispetta il proprio cane e lo spazio in cui tutti vivono”.

Più informazioni su