Manutenzione scuole, la Provincia apre 17 cantieri

Dei 17 interventi finanziati, sei sono stati gestiti dalla Provincia per un totale di 2,2 milioni. Tra questi il piu' grosso, che vale 1,6 milioni, e' l'ampliamento dell'istituto Gobetti di Scandiano

REGGIO EMILIA – Dopo essersi assestata per adeguarsi alla riforma, la Provincia di Reggio e’ tornata operativa in uno dei suoi ambiti di competenza piu’ importanti: l’edilizia scolastica. Grazie all’intervento di Palazzo Allende sono stati infatti assegnati i lavori, che partiranno a breve, in 17 scuole di Reggio e dei Comuni della provincia. Riguardano la messa a norma o in sicurezza degli edifici scolastici, ma anche nuove costruzioni e sorveglianza. I cantieri sono finanziati tramite “il decreto mutui” (con risorse della banca europea degli investimenti), ma la Provincia investe anche fondi propri, per circa cinque milioni.

Andando con ordine: si realizzeranno investimenti nelle scuole per circa 8,5 milioni, di cui 7,4 provenienti dal decreto del Governo e il resto con investimenti da parte dei Comuni. Dei 17 interventi finanziati, sei sono stati gestiti dalla Provincia per un totale di 2,2 milioni. Tra questi il piu’ grosso, che vale 1,6 milioni, e’ l’ampliamento dell’istituto Gobetti di Scandiano, dove si realizzera’ un piano rialzato con otto nuove aule per 200 studenti. Interventi di minore entita’ riguarderanno gli istituti di Reggio Galvani, Secchi e Zanelli e il liceo Corso di Correggio.

La Provincia inoltre, sforando il patto di stabilita’ come aveva annunciato il presidente Giammaria Manghi, ha deciso di procedere con l’adeguamento sismico dell’istituto Chierici, intervento che costa due milioni e mezzo e la cui gara e’ prevista a marzo. Infine, con un avanzo di amministrazione del 2014 di 70.000 euro, l’amministrazione provinciale ha finanziato il sistema di videosorveglianza del polo scolastico di via Makalle’, che e’ oggi attivo con 18 telecamere.

Insomma, dice il presidente Manghi, “un intervento eccezionale che riapre una pagina di possibilita’ dopo tanto tempo in cui siamo stati fermi per adeguarci alla riforma e riporta la ”Provincia del fare” in una fase operativa rispetto all’incombenza delle scuole”. La Provincia di Reggio, viene infatti ricordato, gestisce 21 istituti scolastici superiori, distribuiti su 29 sedi e 64 edifici, frequentati ogni giorno da oltre 21.000 studenti.