Grissin Bon campione d’inverno, risultato meritato

I biancorossi, al momento, sono la squadra più forte del campionato

REGGIO EMILIA – La Grissin Bon è campione d’inverno e questo impone due riflessioni. La prima: che sia un risultato ampiamente meritato. La squadra ha seriamente rischiato il fungo atomico a metà del girone d’andata, dove il finger pointing aveva superato i livelli di tolleranza. La vittoria di Pistoia, a mio modesto avviso, ha rimesso insieme una squadra che, apparentemente, si stava disgregando, rimettendola perfettamente in carreggiata. Complimenti. Essere all’altezza delle aspettative è sempre una cosa difficile. Riuscirci (per quanto relativo possa essere l’essere in testa a metà stagione) è vieppiù gratificante.

La seconda. La Grissin Bon al momento è la squadra più forte del campionato. Meglio abituarcisi. Milano asfalta Sassari (che, alla prova dei fatti, ha giocato una sola vera partita: quella contro Reggio), ma magari, la prossima domenica centra la prima buccia di banana che incontra sul suo cammino e siamo di nuovo da capo. Le altre sono fantastiche per abnegazione e volontà, ma continuo a pensare che siano anche figlie della debolezza del campionato (c’è chi lo considera un bene. A mio parere lo sarebbe se certi risultati fossero il frutto di una programmazione che dura negli anni – Trento a parte -. Invece mi pare siamo di fronte a una situazione in cui, se  sei bravo a indovinare tre americani dal sottobosco sei in griglia per disputare una grande stagione, altrimenti… saluti e baci).

La Grissin Bon ha una spina dorsale. Ha un’identità forte che pare migliorare di partita in partita. In stagione regolare può perdere con due, tre squadre, che se preparate a dovere la possono battere. Per il resto dipende solo da “lei”, dall’atteggiamento che hanno i ragazzi, dalla presunzione – sempre strisciante in zona biancorossa -, da come si preparano le partite e da quanto “toglierà” la Coppa (che con l’inserimento di Vladimir Golubovic deve necessariamente diventare un obiettivo).

La Grissin Bon è prima non per caso. E’ fatta per rimanere in testa. Poi….anything can happen.  Già che ci siamo. Visto così, il tabellone delle Final Eight di Coppa Italia appare un’atostrada. Salvo cazzate, la Grissin Bon si gioca la coppa in finale.

Continua a leggere su Sportfromthecouch