Consiglio comunale, 52 sedute in 18 mesi

La presidente Caselli soddisfatta: "Segno di una democrazia viva"

REGGIO EMILIA – Se il passo nelle risposte alle interrogazioni e negli accessi agli atti si puo’ migliorare, come emerso dalle sedute della commissione Controllo e Garanzia, nulla da eccepire sul consiglio comunale di Reggio Emilia e sull’assiduita’ dei consiglieri. Nei primi 18 mesi di mandato (dal 26 giugno 2014 al 14 dicembre 2015), secondo i dati diffusi oggi dalla presidente Emanuela Caselli, l’assemblea di Sala del Tricolore si e’ riunita 52 volte (di cui 39 nel 2015).

Si sono inoltre svolte 58 conferenze dei capigruppo e oltre 150 sedute di commissioni. Bene anche le presenze dei consiglieri con percentuali elevate di partecipazione ai lavori del Consiglio. “Si tratta di un lavoro intenso, segno di una democrazia viva e di una volonta’ politica e programmatica tesa a rendere sempre piu’ esplicita e radicata la partecipazione dei cittadini e dei loro rappresentanti eletti alle scelte dell’amministrazione comunale”, commenta Caselli.

Per la presidente “oltre ai dati numerici, e’ da sottolineare come si stia proseguendo nell’implementare nuovi strumenti per rendere sempre piu’ moderni, efficaci e trasparenti le attivita’ del Consiglio comunale”. In particolare “si e’ proseguito nella razionalizzazione e digitalizzazione dei documenti delle sedute consiliari, e si e’ attivato il servizio ”alfresco”, un programma reperibile nel sito del Comune, a cui possono accedere consiglieri e assessori, e in cui vengono indicate le convocazioni delle Commissioni consiliari e il relativo materiale preparatorio”.

I cittadini, viene infine ricordato, possono seguire anche on line, sul sito del Comune, la diretta delle sedute del Consiglio comunale grazie alle due web cam installate in Sala del Tricolore.