Castelnovo Sotto, le risorse del PD locale per Coopsette

Il direttivo del Partito democratico locale ha deciso che aiuterà lavoratori, lavoratrici e soci prestatori colpiti duramente dalla crisi

CASTELNOVO SOTTO (Reggio Emilia) – Il direttivo del Pd di Castelnovo Sotto riunitosi ieri sera, ha deciso che ogni entrata e risorsa finanziaria del partito locale verrà messa a disposizione di azioni utili per sostenere lavoratori, lavoratrici e soci prestatori colpiti duramente dalla crisi di Coopsette.

Alla riunione, convocata per fare il punto sulla crisi cooperativa e sull’andamento dello sportello aperto in via XX settembre, che da inizio dicembre accoglie le istanze dei cittadini, erano presenti tutti, dalla segreteria del Circolo agli eletti in Consiglio comunale, compreso il sindaco Maurizio Bottazzi e il consigliere regionale Roberta Mori.

Servizio di prossimità e massima attenzione ai bisogni delle persone, sono i criteri che il Pd castelnovese ha adottato sin da quando la liquidazione coatta dell’azienda ha determinato gravi problemi personali e sociali, difficoltà economiche e profonde incertezze per centinaia di famiglie coinvolte.

“Era ed è necessario dare un contributo concreto affinché nessuno, fra quanti hanno perso il lavoro e i risparmi, si senta solo – dichiara Fabio Montanari  – da qui la nostra partecipazione volontaria, che sta crescendo, al punto di ascolto e coordinamento che teniamo il più possibile aperto in via XX settembre”.

Roberta Mori è tra i volontari che ascoltano e raccolgono le istanze allo sportello e che, in virtù del ruolo istituzionale, contribuisce ad allargare il fronte dell’impegno per superare la crisi. “Credo che questa mobilitazione autentica e trasparente della politica e delle istituzioni al di là delle competenze e a servizio diretto della collettività, sia necessaria e restituisca all’impegno pubblico la sua funzione e utilità sostanziale”, commenta il consigliere regionale.

Il sindaco di Castelnovo di Sotto Maurizio Bottazzi ha aggiornato sugli sviluppi del Tavolo regionale coordinato dall’assessore Palma Costi a cui partecipa coi colleghi sindaci dei Comuni coinvolti, già convocato per il 2 febbraio in Regione.