Quantcast

Mancasale, via libera al Parco industriale

Nuova sede, di 17.000 metri quadrati, della Metall Steel azienda leader a livello europeo per la lavorazione e la distribuzione di acciai speciali per l'industria meccanica di precisione

REGGIO EMILIA – Il 2016, a Reggio Emilia, sara’ l’anno della “rigenerazione” del Parco industriale di Mancasale. È stato infatti approvato dalla giunta comunale il Piano urbanistico attuativo (Pua) numero 6, che si inserisce proprio nel progetto di rigenerazione del Mancasale.

“Il nuovo Piano – spiega l’assessore alla Rigenerazione urbana e del territorio Alex Pratissoli – riprende e sviluppa le novita’ introdotte con il progetto esecutivo relativo alla riqualificazione del Parco industriale, in relazione agli aspetti legati alla sicurezza, ai collegamenti con fibra ottica, e a una maggiore qualita’ urbana”. Previsti anche la realizzazione, fuori comparto, di circa 150 nuovi posti auto, e un contributo economico per la riqualificazione del Parco.

Le aree industriali, fa sapere il Comune, “saranno servite da una nuova viabilita’, che consentira’ di collegare le testate, attualmente a fondo cieco, di via Fratelli Guerra e via Napoli”. Le nuove aree industriali programmate consentono “l’ampliamento di un’importante azienda gia’ insediata a Mancasale e permettono di ospitare altre nuove aziende”.

In particolare, “verra’ realizzata una nuova sede, di 17.000 metri quadrati, di un’azienda leader a livello europeo per la lavorazione e la distribuzione di acciai speciali per l’industria meccanica di precisione (la Metall Steel di Bolzano, ndr)”. L’obiettivo delle opere di riqualificazione, che costeranno 2.127.000 euro, e’ “trasformare Mancasale, con i suoi tre milioni di metri quadrati e 550 aziende ospitate, in un moderno Parco industriale”.

I lavori che partiranno il prossimo anno sono, specifica l’amministrazione, “la riqualificazione di via Filangeri come collegamento strategico fra la stazione Av, Mancasale e il casello autostradale A1; il potenziamento dell’illuminazione pubblica; l’installazione di un sistema di controllo accessi che prevede la videosorveglianza su tutti i varchi e la chiusura notturna degli ingressi a eccezione di quello su via Lama, per cui e’ previsto un presidio videosorvegliato 24 ore su 24”.

Prevista anche una “riorganizzazione della segnaletica attraverso nuovi strumenti di comunicazione che accompagneranno clienti e fornitori dall”uscita dell”autostrada e dalla stazione Av al Parco industriale”, oltre alla “realizzazione delle opere per garantire la piena efficienza della rete a banda larga, con il coinvolgimento di partner privati a partire gia’ dalla meta’ del 2016, nonche’ la completa copertura dell’area dei cavidotti per la posa della fibra ottica”.